Ora con lo sviluppo dell’e-commerce è in corso nel Milanese una crescita dei magazzini logistici e dei centri di trattamento e distribuzione della merce privati. Quindi non solo interporti o stazioni merci per i trasporti e la movimentazione di pacchi e pacchetti, ma ancor più piattaforme private sparse sul territorio. In una ricerca della Luiss in collaborazione con World capital emerge che intorno alla regione Lombardia sono presenti 850 magazzini che costituiscono il 35% della dotazione totale nazionale. La rete logistica milanese è passata da 12 milioni di metri quadrati di superficie del 2011 ai 14,7 milioni del 2016 (+2,7 milioni di mq). La dimensione media di questi impianti è di 20mila metri quadrati.

Il mercato immobiliare e degli affitti ha avuto una forte impennata, assieme al consumo di suolo. Se si aggiungono altri settori come l’edilizia residenziale, l’industria, le infrastrutture di trasporto e la distribuzione commerciale grande e piccola, la somma porta la Lombardia al primo posto per consumo di suolo. La Regione infatti è la prima d’Italia con 3.100 ettari di cemento, il 12,9% della superficie territoriale lombarda. Seguono il Veneto (12,2%) e la Campania (10,3%).

Nel settore della logistica ci sono impianti con automazione spinta e cooperative di facchinaggio che spostano a mano i pacchi. Resta questo “dualismo” concorrenziale all’interno delle medesime funzioni: molte imprese puntano su moderne tecnologie di movimentazione, su robusti sistemi informatici che gestiscono gli ordini, le spedizioni e le scorte. Troppo lentamente le nuove imprese stanno sostituendo le cooperative di facchinaggio, che basano la loro competitività sul lavoro precario degli extracomunitari da un lato, e sull’evasione fiscale – con regimi di orario normativi e salariali gestiti spesso dalla criminalità organizzata anziché dal sindacato – dall’altro.

Il commercio e la grande distribuzione necessiterebbero di una programmazione pubblica che regoli la crescita del settore. Come se non bastasse, lo sviluppo caotico del comparto è assecondato dalla sua associazione di rappresentanza, la Confcommercio, che anziché proporre politiche innovative e sostenibili è gestita come se il mondo si fosse fermato agli anni Sessanta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cineca, sciopero solidale degli informatici contro 34 “esuberi” al Policlinico di Roma. A rischio concorsi e servizio di segreteria

prev
Articolo Successivo

Mercatone Uno fallita, 55 negozi chiusi nella notte. Nessun avviso ai 1.800 lavoratori: lo scoprono dai social

next