Amazon mette un piede nel food delivery. Il gruppo guidato da Jeff Bezos a contribuito a iniettare, in qualità di “principale investitore”, 575 milioni di dollari in Deliveroo, società delle consegne a domicilio con base a Londra e attività in 14 Paesi. Dopo la notizia Just Eat, principale concorrente di Deliveroo sul mercato britannico, è precipitata in Borsa dell’8,3%, l’olandese Takeway.com ha perso il 4,6% e la tedesca Delivery Hero il 2,3%.

“Dal punto di vista di un azionista, non possiamo pensare a una notizia più terrificante dell’ingresso di Amazon nel tuo giardino”, ha sintetizzato Ameet Patel di Northern Trust Capital Markets, definendo la mossa del gruppo di Seattle una “grande bandiera rossa” per Just Eat. Ma trema anche Uber, che con Uber Eats si è lanciata nel food delivery e che nei mesi scorsi aveva cercato di rilevare proprio Deliveroo.

L’investimento di Amazon conferma la vivacità e l’interesse per il mercato del food delivery, dove in Europa è in corso un vero e proprio risiko, come dimostrano la cessione per 930 milioni di euro da parte di Delivery Hero delle sue attività tedesche (che includono Foodora) a Takeaway.com lo scorso dicembre e di quelle italiane a Glovo due mesi prima.

Amazon ha partecipato al finanziamento insieme ai fondi T Rowe Price, Fidelity e Greenoaks, già soci di Deliveroo, che dalla sua fondazione, nel 2013, ha raccolto 1,53 miliardi di dollari. Grazie ai nuovi fondi Deliveroo, che come i concorrenti è oggetto di forti critiche per il trattamento riconosciuto ai riders, “investirà pesantemente per far crescere la sua squadra tecnologica nel quartier generale di Londra, si espanderà ulteriormente per raggiungere nuovi clienti e continuerà ad innovare con ‘Editions'”, i menù ‘ad hoc’ preparati in cucine dedicate esclusivamente al cibo a domicilio.

“Amazon è stato un’ispirazione per me e per la società, siamo impazienti di lavorare con un’organizzazione con una tale ossessione per il cliente”, ha dichiarato il fondatore e ceo di Deliveroo, Will Shu. Che spera, con il sostegno di Bezos, di portare la sua creatura alla redditività dopo un 2017 chiuso con 277 milioni di sterline di ricavi e ben 189 milioni di perdite.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crescita, nel primo trimestre la Germania torna in positivo: +0,4%, in linea con Eurozona. Italia penultima dopo Lettonia

prev
Articolo Successivo

Bollo auto, Consulta: “Le Regioni possono introdurre esenzioni”. Di Maio: “Buona notizia, è una tassa ingiusta”

next