L’allarme lanciato giovedì scorso dalla biblioteca dell’Università di Canberra, capitale dell’Australia, sembrava di quelli molto pericolosi. “Siamo stati evacuati! Pubblicheremo un aggiornamento quando gli studenti potranno rientrare nell’edificio”. A preoccupare studenti e personale, un forte odore che sembrava essere di gas. Impauriti, tutti hanno lasciato l’edificio. Ma poco dopo, la verità: qualcuno aveva gettato in un cestino un residuo di durian, frutto esotico dall’aspetto caratteristico ma soprattutto dal terribile e inconfondibile odore. “Siamo aperti! Grazie a tutti per aver abbandonato il palazzo in modo rapido e sicuro: circa 550 persone hanno lasciato l’edificio in meno di 6 minuti. Fortunatamente la sospetta perdita di gas si è rivelata una parte di un durian e il frutto incriminato è stato rimosso”, è il messaggio comparso poco dopo sulla pagina della biblioteca.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Professoressa bacia un suo alunno sedendosi sulle sue ginocchia: licenziata

prev
Articolo Successivo

Grande Fratello, Barbara D’Urso furiosa con Gaetano: “Se racconti quello che fai sotto le coperte io mi inca**o”

next