“Le correnti che dovrebbero servire a discutere di problemi inerenti la giustizia sono diventate un ufficio di collocamento”. Nel giorno del suo ottantesimo compleanno, l’ex magistrato Giancarlo Caselli ha ripercorso la sua carriera intervistato al Salone del Libro di Torino da Peter Gomez, direttore del Fatto.it e conduttore di “La Confessione” (Loft produzioni). Nell’intervista Caselli ha fatto riferimento al “balletto” di nomine tra le Procure di Roma e Torino e ha attaccato: “Si intuisce che ci siano trattative e scambi per la successione alle Procure di Roma e Torino. Non so se sia vero, ma se avverrà così , allora ecco che il Csm verrebbe meno alla sua funzione di scegliere il meglio dirigente di quell’ufficio e (prevarrebbero) logiche correntizie che hanno poco a che vedere con la meritocrazia”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torre Maura, 41 denunciati per disordini contro rom. Accuse da incendio doloso a odio razziale e apologia del fascismo

next
Articolo Successivo

Salone del Libro, Caselli a Gomez: “Celebrazioni per Andreotti in Senato? Forma perversa di masochismo istituzionale”

next