“Non sono come quei pirla delle family foto dell’Europa di oggi”. Spiazza tutti così l’ex ministro Giulio Tremonti, ospite di ‘Accordi&Disaccordi’ condotto da Andrea Scanzi e Luca Sommi, in onda il venerdì su Nove alle 22.45. A due settimane circa dalle elezioni europee il professor Tremonti ricorda i Trattati di Roma del 1957 che siglarono la nascita della Comunità economica europea: “I vecchi, quelli del 57, li vedi: la foto è in bianco e nero, ma sono uomini. Hanno fatto la prigione, la liberazione, la guerra, hanno topizzato biblioteche. Guarda una family foto europea di adesso: è a colori ma sembrano, come dire, molto diversi da come erano gli altri”.

‘Accordi&Disaccordi’ è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, Sky Canale 149 0 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Accordi&Disaccordi (Nove), Borgonzoni su Casal Bruciato: “Raggi non doveva fare braccio di ferro. Chi grida allo stupro? In galera”

next
Articolo Successivo

Accordi&Disaccordi (Nove), Borgonzoni: “Salvini non sapeva che sarebbe stato Altaforte a pubblicare il suo libro”

next