Lo storico produttore Marshall di soluzioni audio di altissimo livello ha aggiornato l’offerta di altoparlanti portatili Bluetooth. I nuovi annunci riguardano il piccolo Stockwell II, versione aggiornata dello Stockwell originale, e il più grande Tufton. Si tratta di due diffusori acustici con il design vintage che contraddistingue la gamma Marshall, e che promettono una qualità audio di alto livello in nome del marchio che portano. Sono soluzioni indicate per gli appassionati di musica che non transigono sulla qualità del suono nemmeno per una soluzione portatile. Oppure per chi ama il design retrò che è tornato di moda. I prezzi non sono certo stracciati: Stockwell II costa 249 euro, Tufton ha un prezzo di 399 euro. Come dire, noblesse oblige.

Insieme al Kilburn II annunciato lo scorso anno, i due nuovi diffusori vanno a creare una gamma completa che vuole rispondere alle diverse esigenze di diversi utenti, con un’offerta di fascia bassa (Stockwell), media (Kilburn) e alta (Tufton), ma pur sempre all’interno dei parametri qualitativi Marshall.

Stockwell II è la soluzione più compatta e facile da trasportare, ed è anche impermeabile all’acqua secondo lo standard IPX4. Sposa una discreta potenza e la portabilità, grazie alla progettazione che ha permesso di raggiungere dimensioni che rientrano in un comune zaino. Tufton è l’esatto opposto, ossia un prodotto trasportabile ma ingombrante (è tra gli speaker Bluetooth più grandi del mercato in assoluto), ma ripaga con una potenza che sale di pari passo con le dimensioni.

Sul fronte dell’aspetto estetico, è stato ripreso lo stesso design dei famosi amplificatori per chitarra per cui è conosciuto questo marchio, reso celebre da artisti del calibro di Jimi Hendrix ed Eric Clapton, fra gli altri. Immancabili la cinghia in cuoio per il trasporto, la griglia metallizzata frontale e le manopole per la regolazione dei parametri musicali.

Dimensioni a parte, i due prodotti sono accomunati da altre caratteristiche assai importanti per questo tipo di dispositivi, come la presenza di un chip Bluetooth 5.0, il supporto alla tecnologia fast charge, che consente di avere ore di autonomia con soli 20 minuti di ricarica, e un’autonomia di almeno 20 ore in riproduzione. ‎

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dal 1 gennaio 2020 WhatsApp non supporterà più gli smartphone Windows Phone

next
Articolo Successivo

Nel bar di Rapallo che fu il buen ritiro di Hemingway arrivano Greta e Federica, due cameriere-robot per il servizio al tavolo

next