“I giornali dicono che ho detto ‘ti stupro’, non l’ho detto. Ho detto altre brutte parole e mi scuso, ieri non si ragionava molto bene”. A 24 ore dalla protesta di alcuni cittadini e di militanti dell’estrema destra romana sotto l’abitazione assegnata a una famiglia rom a Casal Bruciato, il ragazzo ripreso mentre urla ‘ti stupro’ alla donna che rientra in casa diffonde un video. Nel filmato, Daniele, come dice di chiamarsi, ripercorre quanto avvenuto alla periferia di Roma durante l’assedio e ci tiene a specificare: “Io non appartengo a Casapound, non sono iscritto. Ero lì da semplice cittadino. Io mi accosto a determinate cose, ho preso parte a loro iniziative. Ma non sono un militante”. In realtà – come dimostra il video qui sopra – esiste almeno una foto dell’uomo durante una colletta alimentare di Casapound davanti a un supermercato: in quell’occasione indossava la pettorina del movimento di estrema destra, non “in dotazione” a tutti coloro che partecipavano all’evento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Padova, pestaggio 25 aprile: denunciati 3 esponenti del centro sociale Pedro

prev
Articolo Successivo

Migranti, allarme alla Guardia Costiera: “Barcone con 150 persone a bordo sta affondando al largo della Libia”

next