“Faccio una confessione, c’è un articolo che non ho voluto scrivere. Guardando i dati della mortalità infantile in Grecia mi sono accorto che facendo tutti i calcoli con la crisi sono morti 700 bambini in più di quanti ne sarebbero morti se la mortalità fosse rimasta quella di prima della crisi. La crisi e il modo in cui è stata gestita ha avuto questo effetto drammatico e ci sono altri dati che confortano questa mia conclusione, come i bambini nati sottopeso“. Così Federico Fubini, vicedirettore del Corriere della Sera, presentando su Tv2000 il suo nuovo libro ha raccontato di aver scelto di “censurare” la notizia dell’impatto di crisi e misure imposte dalla Troika sulle morti infantili.

“Adesso nel libro lo scrivo e lo racconto in dettaglio”, ha spiegato il giornalista, che fa parte del Gruppo di alto livello di 39 esperti per la lotta alle notizie false e alla disinformazione online della Commissione europea. “Ho deciso allora di non scrivere perché il dibattito in Italia è avvelenato da antieuropei pronti a usare qualsiasi materiale come una clava contro l’Europa e quello che rappresenta, cioè la democrazia fondata sulle istituzioni e sulle regole. Mi sono detto, se scrivo questo vengo strumentalizzato dagli antieuropei e ostracizzato dagli altri, la sostanza del problema si perde e dovrei perdere tempo a difendermi da attacchi sui social e non”.

Nel 2014 la rivista Lancet ha pubblicato uno studio sull’impatto della crisi – prima ancora che dei piani di austerità varati a partire dal 2010 – sulla salute della popolazione ellenica, in cui si leggeva tra l’altro che “tra 2008 e 2010 c’è stata una inversione del calo di lungo periodo nel tasso di mortalità infantile, che è aumentato del 43% con aumenti sia delle morti neonatali sia post-neonatali”. Il tasso di mortalità infantile, calcolato come numero di morti nei primi 12 mesi di vita su 1000 nati vivi, è passato nel corso di quel biennio da 2,65 punti a 3,80, ma nel biennio successivo è tornato a calare scendendo a 2,92, mentre quello di mortalità dei bambini sotto i 5 anni è salito da 3,32 a 4,47 nel 2010 e sceso a 3,68 nel 2012 (vedi tabella). In termini assoluti, nel 2010 sono morti 436 bambini sotto l’anno di età, contro i 314 del 2008. Nel 2012 il numero cala a 293. Dello studio ha dato conto all’epoca il magazine del CorriereSette.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mediaset va a gonfie vele. Ma alle porte c’è ‘l’altra tv’ a sfidarla

prev
Articolo Successivo

Giornata mondiale della libertà di stampa, il presidente Mattarella: “Sostenere i giornalisti minacciati”

next