Ho deciso di partecipare, a maggio, al primo congresso dei terrapiattisti italiani“. Beppe Grillo ha annunciato così in un post su Facebook la sua partecipazione a “Terra piatta: tutta la verità”, il primo convegno mondiale dei terrapiattisti che si terrà all’Hotel Garibaldi di Palermo il 12 maggio 2019. “Voglio stare in mezzo ad un po’ di cervelli che non scappano davanti a nulla, nessun pregiudizio, nessuna legge della fisica è definitiva”, ha spiegato il comico genovese garante del Movimento 5 stelle. “Cervelli che non fuggono, non arretrano nemmeno, anzi…”, ha concluso Grillo lanciando l’hashtag #TerrapiattaDay.

A commentare l’annuncio è stato Agostino Favari, organizzatore dell’evento, che ai microfoni di Un Giorno da Pecora su Rai Radio1 ha detto: “Se Beppe Grillo sa che per me il M5S è influenzato dalla Cia? Si, la mia è una ipotesi avvalorata da ciò che Grillo ha fatto: sui vaccini prima dicevano assolutamente di no, perché c’era il mercurio, e ora invece ne hanno approvati tanti. Ma i vaccini o fanno bene oppure fanno male”. Secondo lei Grillo è un terrapiattista?, gli chiedono i conduttori: “Un po’ si e un po’ no. Insomma, il Cinquestelle fa il democristiano a riguardo ed è stato lui a darcene le prove, ve lo dico perché facevo parte dei 5S e credevo in quello che diceva Grillo. Sono contento perché ho da fargli 4 domande, non gli permetteremo certo di farsi un comizio – ha proseguito Favari -: gli propongo un confronto, un minuto lui e un minuto noi”.

Il 23 marzo scorso, Grillo sul suo Blog aveva già scritto di terrapiattisti: “Esiste una crescente comunità di persone che credono che il mondo sia effettivamente piatto, organizzano convegni, crociere, eventi e manifestazioni. Sono i Terrapiattisti. Ma ora vogliono provare di avere ragione!”, si leggeva. E aveva concluso: “Cosa possiamo dire sull’argomento, se non che non ci sono parole?“. E poi il 9 aprile, in un post sul blog dal titolo: “Amate e coccolate il terrapiattista che è in voi” aveva aggiunto: “Nonostante sostengano delle assurdità, molti di loro non sembrano né pazzi e né incattiviti. Si riuniscono, spesso sono ben inseriti nella società, e fanno degli incontri incredibili in grandi alberghi in giro per l’America”.

L’evento si svolgerà in due sessioni, mattina e pomeriggio, e che vedrà avvicendarsi ben 4 relatori per dodici tematiche in esame:  si va dall’“astronomia zetetica”, un’analisi della Tartaria “il dimenticato impero dei giganti”, alle teorie complottiste sullo sbarco sulla luna nel panel “Conquista della Luna: 50 anni di inganni”. E ancora, si  parlerà dell’“egocentrismo della stella polare” e dell’“iperproteinosi” e relative “malattie”, senza dimenticare le dimostrazioni pratiche sull’ “assenza della curvatura terrestre”.