A far saltare il governo “non ci penso neanche”, perché “ho, anzi abbiamo, ancora troppe cose da fare”. Parola del vicepremier leghista Matteo Salvini, intervistato da QN. “Mi auguro che qualcuno non voglia far saltare il tavolo per interessi di partito. Io non ho intenzione né di andare a votare prima del previsto, né di tornare al passato”, precisa il ministro dell’Interno, in vacanza in Trentino con i figli. Salvini dice di non essere intenzionato a rispondere a “provocazioni“: “Ai miei ho detto di fare altrettanto. Di abbassare i toni. Certo che se personaggi come Fico mi danno del fascista e del razzista…”. Ma “per adesso porto pazienza”.

Sul caso del sottosegretario Armando Siri indagato per corruzione, il leader leghista spiega: “Rispetto la magistratura che indaga, ovviamente. Ma stiamo parlando di un’ipotesi di presunti soldi promessi per un emendamento che non c’è mai stato”. “Vorrei ricordare che in un Paese civile ciascuno è innocente fino a prova contraria. E pretendere le dimissioni all’inizio degli accertamenti della magistratura non è da Paese civile. Se così non fosse, perché la Raggi non si è dimessa quando è stata indagata? E’ rimasta sotto indagine per due anni, poi è stata assolta. E se si fosse dimessa?”.

“Noi siamo stati gli unici a votare contro tutti gli indulti, gli sconti di pena, gli svuotacarceri“, ricorda Salvini rispondendo alla domanda se la Lega sulla giustizia sia “come Berlusconi. “Noi pensiamo che la pena debba essere certa. Ma la pena: cioè la sanzione decisa dai giudici dopo una condanna. Chi viene condannato deve andare in galera. Ma chi viene condannato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cara Giulia Grillo, ma ti sei dimenticata tutto?

prev
Articolo Successivo

Siri indagato, nel 2017 Arata parlò al vertice della Lega a Piacenza: “Dobbiamo mettere i nostri uomini nei posti giusti”

next