Con il week-end di Pasqua si apre il grande ponte di Primavera, complice un 25 aprile che quest’anno cade il giovedì seguente al lunedì di Pasquetta e, per i più stoici dei vacanzieri, anche un primo maggio del mercoledì successivo, che farà presumibilmente da chiusura al ponte.

Questo significa che da venerdì 19 e fino proprio al 1° maggio strade e autostrade saranno trafficate e che, a seconda dei tratti e degli orari, potranno essere più o meno problematiche: intanto, stando all’indagine di CNA Turismo e Commercio, il flusso maggiore dovrebbe registrarsi tra venerdì 19 e martedì 23, con un picco tra sabato 20 e lunedì 22 che poi riprenderà lunedì 28 aprile, per il ponte prolungato della festa dei lavoratori. In viaggio, circa 14 milioni di italiani.

Sulle autostrade, il bollino nero è previsto per la giornata del lunedì di Pasquetta e per il 25, festa della Liberazione, soprattutto se si viaggia nelle ore serali oppure tra le 11 e le 13 della mattina; bollino rosso, nelle stesse fasce orarie, per il 1° maggio. Per quanto riguarda i tratti autostradali più interessati dal traffico, ecco l’elenco delle più trafficate: l’A1 Milano-Napoli, l’A14 Bologna-Taranto, l’A4 Torino-Trieste, l’A22 del Brennero, l’A2/A3 della Salerno-Napoli-Reggio Calabria. Anche in città potrebbero esserci code impegnative, soprattutto nei tratti urbani del Grande Raccordo Anulare per Roma e della Tangenziale per Milano.

Un’indicazione sugli orari da evitare per non restare imbottigliati nel traffico la dà anche Waze, la app di navigazione per smartphone che, sulla scorta dei dati registrati lo scorso anno nei maggiori capoluoghi come Milano, Roma, Torino, Napoli, Genova e Palermo, fornisce delle fasce orarie da bollino nero; nella Capitale, ad esempio, è assolutamente sconsigliato muoversi in mattinata, tra le 9 e le 11.

In questi lunghi giorni di vacanza, non mancheranno alcune restrizioni da parte del Ministero dei Trasporti per gli autisti dei mezzi pesanti, con divieti di circolazione in determinate fasce orarie per i giorni che vanno dal 19 al 22 aprile e poi per le giornate del 25 e del primo maggio. Per 21, 22, 25 aprile e 1 maggio, divieto imposto dalle ore 9 alle 22, mentre per venerdì 19 dalle 14 alle 22 e sabato 20 dalle 9 alle 16.

Vista la lunga durata del ponte di Primavera, in molti decideranno di spostarsi anche con qualche bagaglio e animali domestici. A questo proposito gli esperti dell’Automobile Club d’Italia suggeriscono poche ma “buone maniere” per spostarsi in tutta sicurezza: per quanto riguarda i bambini, assicurarsi sempre che viaggino su seggiolini idonei (per età e dimensioni), facendo altresì attenzione che tutti i passeggeri, sia anteriori che posteriori, abbiano le cinture allacciate. Se si trasportano anche animali domestici, e magari più di uno, è importante farli viaggiare in uno spazio separato dall’abitacolo mediante una rete. Per qualsiasi emergenza, è possibile contattare l’assistenza e il soccorso stradale Aci anche tramite l’app ACI Mobile Club.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manutenzione auto, aumentano i costi. Oltre 32 miliardi di euro spesi nel 2018

next
Articolo Successivo

Auto, il pendolarismo passivo aumenta il rischio di morte per chi soffre di obesità

next