“Non esistono comuni di serie A e di serie B”. Matteo Salvini, dopo gli attacchi a Virginia Raggi per il caso degli audio registrati durante gli incontri su Ama e quelli sul decoro urbano della Capitale, torna a ribadire la sua contrarietà alla norma Salva-Roma, operazione sul debito storico annunciata dal Campidoglio e dal viceministro Laura Castelli lo scorso 4 aprile. “Stiamo lavorando a un decreto Crescita e non credo ci debbano essere comuni di seria A e di serie B”, ha scandito il vicepremier. E alla domanda se avesse paura di un possibile default della capitale Salvini ha risposto: ” Mi spaventa un sindaco che dice di non avere il controllo della città”.

Si tratta solo dell’ultimo botta-e-risposta con Raggi. In giornata il leader della Lega aveva già attaccato perché “ha chiesto aiuto per salvare Roma da degrado, turisti cafoni e incivili in genere”. “Evidentemente è distratta – aveva detto – La circolare sulle zone rosse va esattamente in questa direzione, esattamente come alcuni strumenti nel decreto sicurezza. Basta leggere le norme e applicarle”. Per poi aggiungere: “Facciamo di tutto per aiutare i romani. Evidentemente c’è un sindaco che di sua voce dice a un suo collaboratore ‘Non ho il controllo della città ‘… auguri. Non ho tempo per rispondere agli insulti. Mi dispiace per come è ridotta Roma”.

Ma è soprattutto il cosiddetto Salva-Roma a finire nel mirino dei leghisti. La norma è un’operazione sul debito storico di Roma annunciata dalla sindaca e dal viceministro dell’Economia Laura Castelli, lo scorso 4 aprile. Si tratta dell’intenzione di chiudere nel 2021 la struttura commissariale (definita da Raggi “una sorta di bad company”) dipendente da Palazzo Chigi che gestisce da anni tutti i debiti accumulati dalla Capitale fino al 2008, debiti arrivati al momento a quota 12 miliardi. Secondo il M5S questa azione non comporterebbe oneri maggiori per lo Stato e per gli italiani, anzi produrrebbe dei risparmi e risorse in più a disposizione, tanto che la Raggi lo ha ribattezzato il ‘Salva Italia’. Tuttavia la Lega dall’inizio ha mostrato forti dubbi sulla misura, arrivando a chiederne lo stralcio dal decreto Crescita.

Per il capogruppo della Lega in Campidoglio, Maurizio Politi, il Salva-Roma “non convince” il Carroccio perché Raggi “non ha alcuna prospettiva” alla Capitale. “Il governo – secondo Politi – è disposto ad aiutare Roma, la Lega in primis, ma il problema vero è che in tre anni il M5S non ha offerto alcuna visione della città, è tutto peggiorato”. Virginia Raggi, aggiunge, “non è in grado di amministrare”.

Raggi, attacca Politi, “sta solo finendo di distruggere” il Comune. “La questione non è il debito storico di questa città, ma la totale assenza di progettualità sugli investimenti in termini di idee: insomma al di là della funivia, discutibile anche questa, non vi è nessun progetto, nulla di sensato”, dice all’Adnkronos. “Serve un nuovo piano trasporti, in sinergia con l’area metropolitana, un nuovo sistema di bigliettazione – aggiunge Politi – Serve la libertà di scelta educativa, serve l’agevolazione dell’ingresso di privati nella gestione del verde e soprattutto serve un termovalorizzatore per una soluzione del problema rifiuti che dovrebbe essere ad esclusiva gestione pubblica”.

Parole pronunciate nel solco del discorso di Matteo Salvini: “Io dico che Raggi non è più adeguata a fare il sindaco di Roma non per eventuali irregolarità, non faccio il pm e non faccio il giudice, decideranno loro se ci sono stati reati – aveva detto giovedì il vicepremier leghista dopo il caso dei colloqui con l’ex ad di Ama, Bagnacani – Ma se un sindaco della città più importante d’Italia dice ‘i romani fuori dalla finestra vedono la merda’ e ‘ho la città fuori controllo’ è un giudizio politico il mio. Non sei in grado di fare il sindaco, lascia che qualcun altro faccia il sindaco”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sergio Ramelli, appello di 60 parlamentari al prefetto per non vietare il corteo di commemorazione dell’estrema destra

prev
Articolo Successivo

Salvini attacca Raggi e difende Siri, poi lapsus: “Nessuna crisi, troppe cose da fare. Il governo va avanti altri quattro mesi”

next