Chi ha in casa un altoparlante Yamaha presentato nel 2018, presto potrà beneficiare di nuove funzioni con un semplice aggiornamento software. L’azienda ha infatti annunciato che a partire da questo mese, venti prodotti, tra cui una soundbar, diffusori wireless e ricevitori AV, offriranno il supporto per Apple AirPlay 2 e beneficeranno di opzioni ampliate per Spotify Connect. Inoltre, tutti i prodotti Yamaha MusicCast riceveranno il supporto per Amazon Smart Home Skill in Italiano.

Tutto mediante aggiornamenti che saranno a breve diffusi tramite l’app Yamaha MusicCast. Le nuove funzioni si uniscono a una disponibilità crescente di servizi integrati, che include le piattaforme musicali Spotify, Deezer, Qobuz e TIDAL nonché il supporto all’audio in alta risoluzione, il controllo vocale tramite un dispositivo Alexa e la connettività Wi-Fi e Bluetooth. Inoltre, d’ora in avanti gli utenti avranno la possibilità di utilizzare il loro assistente vocale preferito, sia che si tratti di Siri, Google o Amazon Alexa, per controllare l’esperienza audio domestica.

Per disporre delle nuove funzioni non bisognerà fare nulla: gradualmente fra aprile e l’estate arriverà automaticamente la richiesta di installare il firmware tramite l’app MusicCast. Sarà sufficiente acconsentire.

Per quanto riguarda invece gli aggiornamenti per Apple AirPlay 2 e Spotify Connect, la distribuzione software inizierà a fine aprile e coinvolgerà i diffusori wireless MusicCast 20 e MusicCast 50, la soundbar MusicCast BAR 400, i sintoamplificatori AV serie RX-Ax80, i ricevitori AV serie RX-Vx85, il sintoamplificatore AV slim RX-S602, la soundbar ATS-4080, il preamplificatore/processore AV CX-A5200 e l’amplificatore streaming multi-room MusicCast XDA-QS5400.

Sempre a partire da fine aprile sarà poi pubblicato l’aggiornamento per i sintoamplificatori AV serie RX-Ax80, AV serie RX-Ax70, AV serie RX-Vx85, AV serie RX-Vx83, AV RX-S602 Slim e il preamplificatore/processore AV CX-A5200.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I bambini amano YouTube, ma il canale video non è una baby sitter

prev
Articolo Successivo

Facebook ha caricato i contatti e-mail di 1,5 milioni di persone senza il loro consenso

next