Il clima resta molto teso e l’omicidio di Giovanni Delfino ha peggiorato la situazione. I sindacati di polizia penitenziaria hanno deciso di manifestare davanti alla prefettura, sottolineando che la sera della tragedia “c’erano solo due agenti per tutto il reparto, che ospita 300 detenuti”. Denunciano la cronica carenza di personale in tutti i settori dell’istituto che “sta comportando abnormi carichi di lavoro” e “turni stressanti anche di 12 ore continuative”. Una situazione al collasso che, però, non giustificherebbe le presunte violenze descritte nelle lettere dei detenuti. Su cui è ora di fare chiarezza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Disabilità, un tema utilissimo solo in campagna elettorale

prev
Articolo Successivo

Case famiglia, gli assistenti sociali hanno enormi responsabilità. Ma la categoria non si discute

next