Il clima resta molto teso e l’omicidio di Giovanni Delfino ha peggiorato la situazione. I sindacati di polizia penitenziaria hanno deciso di manifestare davanti alla prefettura, sottolineando che la sera della tragedia “c’erano solo due agenti per tutto il reparto, che ospita 300 detenuti”. Denunciano la cronica carenza di personale in tutti i settori dell’istituto che “sta comportando abnormi carichi di lavoro” e “turni stressanti anche di 12 ore continuative”. Una situazione al collasso che, però, non giustificherebbe le presunte violenze descritte nelle lettere dei detenuti. Su cui è ora di fare chiarezza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disabilità, un tema utilissimo solo in campagna elettorale

next
Articolo Successivo

Case famiglia, gli assistenti sociali hanno enormi responsabilità. Ma la categoria non si discute

next