“Non possiamo dire con certezza se la fama che accompagna l’istituto si basi su fatti veri – spiega il Garante regionale dei diritti dei detenuti – ma di certo qui vengono trasferite persone che hanno a loro carico provvedimenti di ordine e sicurezza”. Anche Sing Khajan, il 34enne indiano che a marzo 2019 ha ucciso, colpendolo con uno sgabello, il compagno di cella Giovanni Delfino, era considerato un detenuto con problemi disciplinari. Arrestato a Cerveteri per tentato omicidio, era stato portato nel carcere di Civitavecchia, dove si era reso protagonista di un’altra aggressione. “Lo stesso direttore del carcere – spiega Anastasia – dice che su circa 500 detenuti, almeno 100 arrivano al Mammagialla a seguito di provvedimenti disciplinari”. Ma come vengono ‘messi in riga’ questi detenuti? “Io spero che le pratiche non siano quelle descritte nelle lettere inviate, a iniziare da febbraio 2018, da alcuni detenuti e che ci hanno spinto a intensificare la nostra presenza a Viterbo, anche per fare luce su alcuni suicidi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Disabilità, un tema utilissimo solo in campagna elettorale

prev
Articolo Successivo

Case famiglia, gli assistenti sociali hanno enormi responsabilità. Ma la categoria non si discute

next