Il Garante ha chiesto al direttore della struttura per quale ragione quel provvedimento disciplinare fosse stato eseguito solo a luglio. “Mi ha risposto – spiega a ilfattoquotidiano.it – che la sezione di isolamento, in tutto quel periodo, era stata sempre piena”. A rendere paradossale questa vicenda altre due circostanze. Hassan avrebbe terminato di scontare la pena il 9 settembre: gli mancavano solo 40 giorni, ma già a luglio non avrebbe più dovuto trovarsi al Mammagialla. Il 10 maggio, infatti, aveva finito di scontare la pena per una rapina commessa da maggiorenne. A quel punto, gliene restava un’altra di quattro mesi per spaccio, ma da scontare in un carcere minorile, dato che quel reato era stato commesso quando non era ancora maggiorenne. Il 19 aprile il Tribunale dei minori aveva ordinato il trasferimento, che non è mai avvenuto. Sulla morte del ragazzo è aperto un fascicolo contro ignoti per istigazione e aiuto al suicidio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disabilità, un tema utilissimo solo in campagna elettorale

next
Articolo Successivo

Case famiglia, gli assistenti sociali hanno enormi responsabilità. Ma la categoria non si discute

next