Il Garante ha chiesto al direttore della struttura per quale ragione quel provvedimento disciplinare fosse stato eseguito solo a luglio. “Mi ha risposto – spiega a ilfattoquotidiano.it – che la sezione di isolamento, in tutto quel periodo, era stata sempre piena”. A rendere paradossale questa vicenda altre due circostanze. Hassan avrebbe terminato di scontare la pena il 9 settembre: gli mancavano solo 40 giorni, ma già a luglio non avrebbe più dovuto trovarsi al Mammagialla. Il 10 maggio, infatti, aveva finito di scontare la pena per una rapina commessa da maggiorenne. A quel punto, gliene restava un’altra di quattro mesi per spaccio, ma da scontare in un carcere minorile, dato che quel reato era stato commesso quando non era ancora maggiorenne. Il 19 aprile il Tribunale dei minori aveva ordinato il trasferimento, che non è mai avvenuto. Sulla morte del ragazzo è aperto un fascicolo contro ignoti per istigazione e aiuto al suicidio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Disabilità, un tema utilissimo solo in campagna elettorale

prev
Articolo Successivo

Case famiglia, gli assistenti sociali hanno enormi responsabilità. Ma la categoria non si discute

next