Solo un mese prima, il 9 gennaio, nel carcere Mammagialla, si era tolto la vita Abouelfetouth Mahomoud, vent’anni. Il primo dei tre suicidi avvenuti nel 2018. Il 20 marzo è avvenuto qualcos’altro. È stata perquisita la cella di Hassan Sharaf, egiziano di 21 anni e il ragazzo, insieme ad altri detenuti, è stato accusato di un traffico di psicofarmaci all’interno del carcere, ricevendo una sanzione disciplinare. Il giorno dopo, proprio durante un colloquio con le collaboratrici del Garante Anastasia, un altro detenuto ha riportato di presunte violenze da parte degli agenti di polizia penitenziaria, segnalando proprio la storia di Hassan, raccontata poi in un servizio della giornalista Laura Bonasera, andato in onda nel corso della trasmissione Popolo sovrano di Rai2. Le collaboratrici del Garante hanno incontrato Hassan. Il ragazzo ha mostrato segni rossi sulle gambe e tagli al petto, raccontando che a procurarglieli erano stati alcuni agenti. “Aveva paura, era terrorizzato” ricorda a ilfattoquotidiano.it Anastasia. A quel punto ha chiesto all’amministrazione penitenziaria di trasferire Hassan e di sottoporlo a una visita. Nel frattempo sono arrivate altre lettere ed è avvenuto un altro suicidio. L’8 giugno il Garante ha presentato un esposto in procura. Il 23 luglio, inaspettatamente, Hassan è stato portato in isolamento. Gli hanno detto che si trattava della conseguenza della sanzione disciplinare per il traffico di psicofarmaci avvenuto quattro mesi prima. Entrato in cella alle 12.50, è stato ritrovato due ore dopo. Si era impiccato con un lenzuolo. Il ragazzo è stato portato in ospedale: è morto dopo una settimana di coma.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Disabilità, un tema utilissimo solo in campagna elettorale

prev
Articolo Successivo

Case famiglia, gli assistenti sociali hanno enormi responsabilità. Ma la categoria non si discute

next