Gli aggressori di Niccolò Bettarini, figlio di Stefano e Simona Ventura colpito con calci, pugni e coltellate lo scorso 1 luglio, “non si esauriscono solo nelle quattro persone” condannate a pene fino a 9 anni, ma ci sono altri “gravemente sospettati di aver avuto un ruolo attivo” e che sono riusciti a “sfuggire alle indagini”. Lo scrive il gup di Milano Guido Salvini nelle motivazioni della sentenza nelle quali spiega anche che il 20enne rischiò di morire e che la sua “provocazione, magari involontaria” è “poco rilevante”. Il 18 gennaio, infatti, il giudice ha condannato i quattro imputati per tentato omicidio, ma con pene diverse, dai 9 anni ai 5 anni di carcere, perché solo uno di loro aveva con sé un coltello e non c’è la prova che anche gli altri sapessero che fosse armato. In particolare, a Davide Caddeo, 29enne difeso dal legale Robert Ranieli e accusato di aver sferrato le nove coltellate, il giudice ha inflitto 9 anni. Pene diverse per gli altri tre imputati: 5 anni e 6 mesi ad Alessandro Ferzoco (difeso da Mirko Perlino), 6 anni e 6 mesi ad Albano Jakej (difeso da Daniele Barelli) e 5 ad Andi Arapi (difeso da Fabrizio Cardinali). A tutti e tre, però, è stata concessa la “diminuente” del “reato diverso da quello voluto”.

Proprio Caddeo, che ha ottenuto un mese fa i domiciliari con l’obbligo di curarsi dalla dipendenza dalla cocaina e lavorare, ha inviato una “lettera” al giovane nella quale ha “scritto di aver compreso durante la carcerazione i molti sbagli commessi“. Nella lettera Caddeo spiega “di essere determinato” a seguire “un programma che lo aiuti a uscire dalla tossicodipendenza che lo ha portato ad azioni come quella avvenuta”. Il pm Elio Ramondini aveva contestato ai quattro imputati di “aver agito per motivi abietti (in quanto discriminatori) e futili, quali essere ‘il figlio di Bettarinì”. Per il giudice, però, mentre è “pacifica” l’aggravante dei futili motivi, non può essere riconosciuta quella dei motivi discriminatori: “Nel corso dell’indagine vi sono stati solo isolati riferimenti al fatto che qualcuno avesse gridato che il giovane era il ‘figlio di Bettarini’ e forse proprio per tale ragione andasse appunto colpito”. In realtà, si legge nelle motivazioni, “sembra che nessuno o quasi nessuno della compagnia degli aggressori lo conoscesse”.

Il gup, invece, mette in evidenza la “futilità” e la “assoluta banalità” delle “ragioni alla base dell’azione commessa”, perché l’aggressione sarebbe “scaturita da una lite avvenuta parecchio tempo prima, precisamente il 4 marzo (2018, ndr), in un’altra discoteca, il Gate”. Per il giudice, infine, “è doveroso ricordare che l’immediato esito positivo delle indagini è stato reso possibile anche dal senso civico dimostrato dal taxista” sulla cui “vettura erano saliti dopo il fatto due degli aggressori”. Resosi subito conto che i due giovani potevano essere “responsabili dell’episodio di cui aveva appreso poco prima mentre transitava dinanzi alla discoteca, ha subito attivato il sistema di ripresa audio e video interno”. Il giudice ha deciso con la sentenza di trasmettere le deposizioni “di rilievo” alla Procura “affinché valuti le ulteriori iniziative da adottare”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Processo Cucchi, dopo l’interrogatorio il carabiniere Francesco Tedesco stringe la mano a Ilaria: “Mi dispiace”

next
Articolo Successivo

Violenza in Circumvesuviana, procura di Napoli ricorre in Cassazione contro scarcerazione dei tre indagati

next