Flavio Briatore torna nello studio di Non è l’Arena (La7), e dopo quasi un anno dal suo commento circa i risultati delle elezioni, dice la sua, da imprenditore internazionale, sul lavoro che questo Governo sta portando avanti. “In questi 10 mesi le cose sono peggiorate. La politica è difficile però in questo momento io vorrei essere orgoglioso dell’Italia quando, invece in questo momento siamo ai livelli minimi di rispettabilità fuori dall’Italia”. Il punto, secondo Briatore è il contratto di governo: “Abbiamo due entità completamente diverse che non si parlano. Con la complessità che c’è non puoi affrontare la questione con un contratto. Quando ci sono state le elezioni la gente era stufa e ha premiato la ventata rivoluzionaria… ma non sono preparati, quando guidi la macchina devi avere la patente”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Non è l’Arena, Briatore sul governo: “Salvini ha fatto un gran lavoro sull’immigrazione”. E boccia il reddito di cittadinanza

prev
Articolo Successivo

Inchiesta Umbria, Zingaretti: “Più severi sul tema. Potere deve servire le persone, non chi lo gestisce: così sarà nuovo Pd”

next