Il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, rifugiato nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra dal 2012, è stato arrestato ieri in seguito alla revoca della concessione dell’asilo da parte di Quito. Mentre si attende una risposta dal governo inglese alla richiesta di estradizione da parte degli Stati Uniti, si torna a dibattere sulla questione della libertà di espressione e l’impatto che ha sulla vita quotidiana. Possiamo essere veramente umani senza libertà di espressione? La libertà di parola è l’ossigeno della nostra società? Senza di essa ci sbricioliamo. Questi i temi su cui riflettono i registi Tarquin Ramsay e Jörg Altekruse nel documentario “Free Speech Fear Free” disponibile sulla piattaforma tv Loft (www.iloft.it e app), confrontando il Regno Unito con la Bielorussia e mostrando com’è la vita senza Free Speech. Storie agghiaccianti di una dittatura che distrugge il tenore di vita delle persone. Nel cast interpreti di eccellenza come Jude Law e lo stesso Assange.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Eretici, Tomaso Montanari su Piero Calamandrei: “Insegnò che attuare la Costituzione era una rivoluzione”

prev
Articolo Successivo

Accordi&Disaccordi (Nove), ospite Danilo Toninelli venerdì 12 aprile alle 22.45

next