L’arresto di Julian Assange era prevedibile perché oramai tutte le voci fuori dal coro, tutti i personaggi che sfidano il pensiero unico sono inaccettabili e vanno eliminati come si fa con un prodotto di fabbrica mal riuscito. L’accusa di un crimine orribile come lo stupro, temo sia il solito e puntuale pretesto per tentare di delegittimare chi si è permesso di sfidare certi poteri occulti. Così, dopo ben 7 anni in cui Assange è stato costretto a vivere da sequestrato nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra, oggi l’arresto.

A mio avviso la “colpa” di Assange e della sua Wikileaks è quella di aver svelato quei poteri che proliferano dietro le quinte della politica estera e che puniscono chi si permette di rendere note le loro gesta. La “colpa” di Assange è quella di aver palesato ciò che si cela dietro la maschera che i mass media costruiscono. Assange è come il personaggio che nel mito della Caverna di Platone si libera dalle catene e, uscendo in superficie, riesce a comprendere la verità. Una verità che Wikileaks ha reso nota, cercando di svegliare le coscienze assopite.

Wikileaks ha svelato crimini come quelli denunciati nel video intitolato Collater murder, che rese pubblico il 12 luglio del 2007, in cui due elicotteri apache statunitensi con cannoni di 30 millimetri a punta cava, progettati per penetrare i carri armati, spararono senza alcuna ragione a una dozzina di civili iracheni. Dopo tale agguato, si accanirono su di un ferito che strisciava per terra tentando di mettersi al riparo. Infine, quella mattina di luglio uccisero anche un papà che stava portando i suoi bambini a scuola e che vedendo un ferito dell’agguato Usa lo soccorse. Mentre tentava di caricare l’uomo nel suo minicaravan, i soldati spararono ancora, uccidendo tutti e ferendo gravemente due bambini all’interno del furgoncino.

Due degli uccisi lavoravano per l’agenzia di stampa internazionale Reuters, Namir Noor Eldeen e Saeed Chmagh. Dall’elicottero i militari statunitensi vedendo quei corpi dilaniati, commentarono: “Guarda quei bastardi morti!”. Come si evince dal filmato non c’era alcun bisogno e motivo di eliminare dei civili innocenti, l’unica spiegazione è la brutalità degli assassini che in un contesto bellico avevano perso completamente la propria umanità. Circa un mese dopo la pubblicazione del video da parte di Wikileaks, l’esercito arrestò a Baghdad un soldato, ma non si trattava di chi aveva sparato dall’elicottero, ma di Bradley Manning (oggi Chelsea Manning), cioè di colui che aveva inviato il video all’organizzazione di Assange.

Julian Assange, Chelsea Manning e Edward Snowden (a quest’ultimo il regista Oliver Stone ha dedicato un film da vedere) sono persone che, anche se ufficialmente possono aver violato delle leggi, hanno permesso di svelare nefandezze inquietanti. Del resto, anche Gandhi sosteneva che la verità è più importante di una legge e che se una legge è ingiusta va violata. Assange per il coraggio di aver denunciato quel deep state, quel complesso di lobby che si celano dietro la facciata di stati apparentemente democratici andrebbe premiato, non arrestato.