“Affronterà la giustizia del Regno Unito“. Con queste parole il ministro dell’Interno britannico, Sajid Javid, ha confermato l’arresto del fondatore di WikiLeaks Julian Assange. Il giornalista è stato preso all’interno dell’ambasciata dell’Ecuador a Londra, dopo che Quito ha revocato la concessione dell’asilo al 48enne australiano. “Il Regno Unito non ha civiltà” ha urlato Assange alle telecamere mentre gli agenti lo stavano portando via. Prima di entrare nella camionetta delle forze dell’ordine, poi, è riuscito a fare un appello ai cittadini britannici: “Il Regno Unito deve resistere”. Assange è in custodia alla stazione centrale di Scotland Yard e sarà portato al più presto davanti ai magistrati, riferisce la polizia londinese. “Posso confermare che Julian Assange, 7 anni dopo essere entrato nell’ambasciata ecuadoriana, è ora sotto custodia della polizia per affrontare debitamente la giustizia del Regno Unito” ha detto Sajid Javid, confermando la notizia dell’arresto data da Scotland Yard. “Voglio ringraziare l’ambasciata dell’Ecuador per la sua cooperazione e la polizia per la sua professionalità: nessuno è al di sopra della legge”, ha concluso Javid. A sentire un portavoce del ministero dell’Interno britannico, è emerso che “Assange è stato arrestato in relazione ad una richiesta provvisoria di estradizione da parte degli Stati Uniti“. Donald Trump però sostiene di non saperne nulla: “Non so nulla di Wikileaks, non è una cosa che mi interessa e so che è qualcosa che ha a che fare con Julian Assange. Vedremo quello che succede con Assange, non so molto di lui, non è la questione della mia vita” ha detto ancora dimostrando disinteresse per la vicenda dell’estradizione richiesta dagli Usa che, ha sottolineato, è una questione su cui dovrà decidere l’attorney general William Barr. Nell’ottobre del 2016 Trump twittò “I love Wikileaks” quando il sito pubblicò le mail compromettenti su Hillary Clinton.

LE REAZIONI: DA MOSCA A ROMA, FINO A SNOWDEN
Capelli e barba bianchi, Assange è stato portato fuori dalla sede diplomatica ecuadoriana poco dopo le 10 ora italiana da sette poliziotti in borghese, che lo hanno condotto fino a un furgone della polizia, secondo quanto si vede in un video dell’arresto. I ringraziamenti del ministro inglese ai diplomatici sudamericani non sono un particolare di poco conto. Assange, infatti, non è uscito dall’ambasciata dell’Ecuador a Londra, ma è stato l’ambasciatore a far entrare la polizia britannica all’interno della sede diplomatica, dove il fondatore di WikiLeaks è stato arrestato. A darne notizia è stata la stessa organizzazione in un tweet. Da parte sua, il presidente dell’Ecuador Lenin Moreno ha fatto sapere che il suo Paese ha revocato l’asilo al fondatore di WikiLeaks per “violazioni della convenzione internazionale” da parte del giornalista australiano, che dal 2012 era rifugiato nella sede diplomatica di Quito a Londra. Secondo WikiLeaks, però, la revoca dell’asilo politico è avvenuta illegalmente. Sulla questione è intervenuto anche la Russia, con il Cremlino che – a leggere l’agenzia russa Tass –  “auspica che siano rispettati tutti i diritti di Assange”. Non solo. Su Facebook la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha scritto che “la mano della ‘democrazia’ strangola la libertà”. Un’accusa pesantissima, come quella dell’ex presidente dell’Ecuador Rafael Correa, che aveva concesso l’asilo politico a Julian Assange. Correa ha accusato di “tradimento” il suo successore Lenin Moreno: “Così ha messo a rischio la vita di Assange e umiliato l’Ecuador”, ha twittato Correa, secondo cui “Moreno è un corrotto ma quello che ha fatto oggi è un crimine che l’umanità non dimenticherà mai”.

“L’arresto di Assange, dopo 7 anni di ingiusta privazione di libertà, è una inquietante manifestazione di insofferenza verso chi promuove trasparenza e libertà come WikiLeaks. Amici britannici, il mondo vi guarda, l’Italia vi guarda. Libertà per Assange” ha scritto invece il sottosegretario M5s agli Esteri, Manlio Di Stefano. “Seguiremo da vicino se c’è un aspetto Ue” nella vicenda, ma in ogni caso “si tratta di un processo giudiziario” che “è nelle mani dei giudici, e quando i giudici parlano i politici tacciono” ha detto invece il portavoce della Commissione Ue Margaritis Schinas. “Questo è un momento buio per la libertà di stampa” ha detto Edward Snowden, ex analista dell’Nsa e gola profonda del Datagate esiliato a Mosca: “Le immagini dell’ambasciatore dell’Ecuador che invita i servizi britannici nell’ambasciata per trascinare via un giornalista vincitore di premi fuori dall’edificio – ha detto – finiranno nei libri di storia. I critici di Assange possono esultare, ma questo è un momento buio per la libertà di stampa”.

IL CASO WIKILEAKS E I DOCUMENTI CONTRO GLI USA
Scotland Yard ha spiegato che l’arresto è stato eseguito in virtù di un mandato di giugno 2012 emesso dal tribunale londinese di Westminster Magistrates con l’accusa per Assange di non essersi presentato in tribunale. Assange è in stato di fermo in un commissariato di Londra e sarà “presentato al tribunale di Westminster non appena possibile”, ha fatto sapere ancora la polizia della capitale britannica. Il fondatore di Wikileaks si era rifugiato nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra nel 2012 per evitare di essere estradato in Svezia, dove è accusato di stupro. Sull’australiano pendeva appunto un mandato d’arresto britannico per violazione delle condizioni di libertà sorvegliata. Il fondatore di Wikileaks aveva sempre reso chiaro che temeva, in caso di arresto, di essere estradato verso gli Stati Uniti in conseguenza della pubblicazione nel 2010 sul suo sito di migliaia di documenti confidenziali del dipartimento di Stato e del Pentagono. Assange ha fondato Wikileaks nel 2006. Il sito si è fatto conoscere al grande pubblico con un crescendo di rivelazioni, pubblicando per esempio un video dell’esercito Usa in Iraq e poi migliaia di documenti militari relativi alla campagna in Afghanistan. In totale, il sito rivendica di avere pubblicato “oltre 10 milioni di documenti” relativi a finanza, intrattenimento e politica. E oggi WikiLeaks, dopo l’arresto di Assange, ha denunciato che ci sono “la Cia” e altri poteri dietro la caccia: “Assange – ha twittato – è un figlio, un padre, un fratello. Ha vinto decine di premi di giornalismo ed è stato nominato per il Nobel per la pace dal 2010. Ma attori potenti, inclusa la Cia, sono impegnati in un sforzo sofisticato per disumanizzarlo, delegittimarlo e imprigionarlo”.

ECUADOR: “ASSANGE NON SARA’ ESTRADATO IN PAESI CON PENA DI MORTE”
Le paure del giornalista australiano e della sua organizzazione, però, sono state in un certo senso mitigate al mittente dal presidente dell’Ecuador, il quale ha assicurato che Julian Assange non sarà estradato in un Paese che applica la pena di morte. Quindi non andrà negli Stati Uniti, dove è ricercato per la pubblicazione nel 2010 di documenti riservati americani. “Ho chiesto al Regno Unito la garanzia che Assange non venga estradato verso un Paese in cui potrebbe essere torturato o condannato a morte – ha detto il presidente Moreno – Il governo britannico me l’ha confermato per iscritto”. La legale Jen Robinson, componente del team legale dell’attivista e giornalista australiano, ha però sottolineato che Assange è stato arrestato dalla polizia britannica “in relazione ad una richiesta di estradizione degli Stati Uniti”. Secondo l’avvocato, quindi, non è vero che l’arresto sia avvenuto, come hanno detto le autorità britanniche, sulla base del mandato emesso il 29 giugno del tribunale di Westminster per violazione della cauzione quando Assange non si era presentato in aula. Le parole del legale di Assange, del resto, confermano quella che è stata dall’inizio della lunga sua lunga vicenda giudiziaria la linea difensiva, cioè che le accuse per stupro ed aggressione sessuale – poi ritirate e per le quali i magistrati svedesi chiesero ed ottennero la sua estradizione – fossero solo un pretesto per essere poi trasferito e processato per spionaggio e diffusione di segreti di Stato negli Stati Uniti.

SCOTLAND YARD: “FERMATO PER RICHIESTA DI ESTRADIZIONE DEGLI USA”
L’inchiesta americana su Wikileaks e su Assange è sempre stata tenuta nascosta. Ma lo scorso anno i procuratori Usa, per sbaglio, hanno reso noto che nei confronti di Assange vi era un’incriminazione secretata. La conferma del fatto che l’inchiesta potrebbe essere arrivata alle fase finali è arrivata poi, nel modo più clamoroso, quando il mese scorso Chelsea Manning – l’ex analista transessuale dei servizi militari che ha passato ad Assange i file segreti ed ha scontato 7 anni della condanna a 35 anni prima di essere graziata da Barack Obama – è tornata in prigione per essersi rifiutata di rispondere di fronte al gran jury dell’inchiesta su Assange. L’accusa mossa al giornalista australiano, del resto, è scritta nel mandato Usa emesso a dicembre del 2017: cospirazione con Chelsea Manning all’inizio del 2010. La chiusura del cerchio è arrivata proprio da Scotland Yard, che ha confermato come Assange sia stato arrestato su richiesta Usa. La polizia britannica ha parlato di “ulteriore mandato di arresto da parte delle autorità Usa” all’interno di un comunicato in cui si precisa che questo è avvenuto dopo che Assange è stato prelevato all’ambasciata dell’Ecuador sulla base del mandato d’arresto britannico, risalente al 2012, per violazione delle regole della cauzione. Nel comunicato, inoltre, è specificato che ad Assange è stato notificato “un ulteriore mandato d’arresto a nome della autorità Usa alle 10.53 dopo il suo arrivo alla sede centrale della polizia di Londra”. Si conferma poi che si tratta di “una richiesta di estradizione sulla base della sezione 73 dell’Extradition Act”. Successivamente Londra ha confermato che la richiesta di estradizione degli Stati Uniti è per presunti “crimini informatici”. A sentire un portavoce del ministero dell’Interno britannico, poi, è emerso che “Assange è stato arrestato in relazione ad una richiesta provvisoria di estradizione da parte degli Stati Uniti“.

THERESA MAY RINGRAZIA LA POLIZIA: “NESSUNO È SOPRA LA LEGGE”
Non si è fatta attendere la presa di posizione di Theresa May, che ha dato “il benvenuto alla notizia” dell’arresto parlando alla Camera dei Comuni fra mormorii di assenso di una parte dell’aula. La premier non si è espressa sulle accuse, ma ha rivendicato la cattura, dopo sette anni nei quali l’attivista australiano aveva ottenuto rifugio nell’ambasciata ecuadoriana, come una conferma del fatto che “nessuno nel Regno Unito è al di sopra della legge“. May ha confermato inoltre la richiesta di estradizione da parte degli Usa nei confronti di Assange, lasciandone la valutazione al giudizio delle corti britanniche.

LA DONNA CHE HA DENUNCIATO LO STUPRO CHIEDE RIAPERTURA DELLE INDAGINI
Nel frattempo la donna che accusa Julian Assange di averla violentata in Svezia nel 2010 chiederà alla procura di riaprire l’inchiesta a seguito dell’arresto del fondatore di Wikileaks. È quanto annunciato dall’avvocatessa della donna, Elisabeth Massi Fritz: “Faremo di tutto affinché i procuratori riaprano l’indagine svedese e perché Assange sia consegnato alla Svezia e giudicato per stupro”, ha riferito la legale. Dal momento che Assange era rifugiato nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra, la Svezia aveva smesso di perseguirlo a maggio del 2017, a tre anni dalla prescrizione, perché le indagini non potevano avanzare. La notizia dell’arresto è “uno choc per la mia cliente”, ha aggiunto Elisabeth Massi Fritz, sottolineando che “finché il reato non sarà prescritto la mia cliente mantiene la speranza che venga fatta giustizia“. A una richiesta di AFP, un portavoce della procura svedese si è rifiutato di commentare l’informazione: “Stiamo osservando”, ha detto. L’accusatrice, che all’epoca dei fatti aveva circa 30 anni, ha presentato denuncia il 20 agosto del 2010, qualche giorno dopo avere incontrato Assange a Stoccolma nel corso di una conferenza di Wikileaks. La donna accusa Assange di avere avviato un rapporto sessuale non protetto con lei mentre dormiva nella notte fra il 16 e il 17 agosto. Julian Assange ha sempre sostenuto che la donna fosse consenziente e che avesse accettato di non utilizzare il preservativo. Le accuse di un’altra giovane svedese per aggressione sessuali, risalenti allo stesso periodo a Stoccolma, sono cadute in prescrizione nel 2015.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Olavo de Carvalho, ecco chi è il filosofo guru di Bolsonaro

prev
Articolo Successivo

Juncker scherza col fuoco e la first lady del Rwanda se la vede davvero brutta. Ecco cosa è successo

next