Una bottiglia che conteneva liquido infiammabile trovata in auto. È la scoperta fatta dalla giornalista Floriana Bulfon, in passato minacciata da alcuni componenti della famiglia Casamonica. La macchina era parcheggiata nella zona San Giovanni, a Roma.

A dare l’allarme la stessa giornalista, che, rientrata nella Capitale dopo qualche giorno di assenza, ha notato all’interno dell’abitacolo la bottiglietta in plastica con dentro dell’alcol.
Sul posto è intervenuta la polizia con la scientifica per i rilievi. Sono in corso indagini per far luce sulla vicenda. Non si esclude al momento alcuna pista, compresa quella di un avvertimento.

Floriana Bulfon, che scrive per La Repubblica e L’Espresso, a luglio scorso fu minacciata assieme a un collega del Tg2 da alcuni componenti della famiglia Casamonica.
Era la mattina del 17 luglio quando dopo una maxi operazione dei carabinieri contro i Casamonica, che portò a numerosi arresti, Bulfon entrò a vicolo di Porta Furba, quartier generale della famiglia, per dar voce alle persone dopo gli arresti e descrivere l’ambiente. Lì fu minacciata e insultata, assieme al collega, da alcune donne della famiglia. In quell’occasione volarono bastoni e altri oggetti. Uno colpì anche un operatore. Fortunatamente nessuno rimase ferito.