Una bella scocciatura per gli utenti Apple abbonati a Netflix, perché la tecnologia AirPlay era una comodità per molti, e recentemente si era allargata a prodotti di LG, Samsung e Visio. Forse proprio quest’ultimo passaggio è stato all’origine della decisione di Netflix, anche se la tempistica è un po’ sospetta. La novità infatti arriva a poca distanza dall’annuncio di Apple TV+, il servizio streaming video a pagamento che, guarda caso, lancia il guanto di sfida proprio alle piattaforme più in voga del momento, fra cui Netflix.

Facendo qualche prova ci siamo resi conto che il blocco non è totale: l’app Netflix per iPad consente ancora l’uso di AirPlay per veicolare l’audio su Smart Speaker, come ad esempio quelli a marchio Sonos, ma non il video. In compenso su iPhone e su Mac la funzione è completamente disabilitata.

Foto: Depositphotos

 

Ovviamente le relazioni tra Netflix e i prodotti Apple proseguono. L’app Netflix per iPhone, iPad e iPod Touch continua a consentire lo streaming via Chromecast oppure via Wi-Fi con le TV compatibili per abilitare il secondo schermo Netflix.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I social network non fanno abbastanza per proteggere gli utenti, il Regno Unito propone regole severe

prev
Articolo Successivo

Intelligenza Artificiale di Google bocciata nel test di matematica per le scuole superiori

next