“La violenza non è una soluzione, ma l’obiettivo è zero campi rom“. A rivendicarlo, in merito a quanto avvenuto a Torre Maura, nella periferia romana, il vicepresidente del Consiglio e ministro dell’Interno, Matteo Salvini. Il leader della Lega ha lanciato un attacco in direzione Campidoglio, verso la giunta Raggi: “Chiaro che non puoi usare le periferie a Roma, come in altre città italiane, per nascondere i problemi” ha spiegato a margine di un evento a Confcooperative. E ancora: “Chi si vuole integrare si integra, chi non si vuole integrare fa una scelta, sono stufo di sprecare i soldi degli italiani per mantenere migliaia di rom che non fanno nulla dalla mattina alla sera se va bene, o che rubano se va male”. E se i pm hanno aperto un’inchiesta per danneggiamenti e minacce con l’aggravante dell’odio razziale, Salvini invece sembra voler minimizzare, dopo le immagini delle rivolte anti-rom dei cittadini dell’area, alle quali si sono aggiunti CasaPound e Forza Nuova: “Pane calpestato per terra e minacce? Fenomeni di intolleranza razziale? Il pane è sacro, ma ho sentito proteste civili dagli abitanti della zona“, ha tagliato corto il ministro dell’Interno.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vittime femminicidio, Siracusano (FI): “Chiedo minuto di silenzio”. Ma il presidente di turno: “Ricordo è a novembre”

prev
Articolo Successivo

Il contratto di governo è solo un alibi. E ha gettato l’Italia nell’immobilismo

next