Non è stato un gran periodo, quello delle proteste dei Gilet Gialli, per gli autovelox francesi. Durante le manifestazioni ne sono stati distrutti ben tre su quattro, stando ai rilievi delle autorità transalpine. Che tuttavia sono pronte a rilanciare: è stata infatti avviata la sostituzione dei congegni danneggiati con altri di nuova generazione, con torretta blindata e più difficili da raggiungere, visto che saranno montati a quattro metri d’altezza. Si chiamano Mesta Fusion 2, e potete vederne un esemplare nella foto sopra: garantiscono prestazioni elevate visto che sono in grado di fotografare fino a 32 auto contemporaneamente in eccesso di velocità su 8 corsie. Potranno anche, quando la normativa lo consentirà, di verificare se i passeggeri a bordo indossino le cinture, stiano parlando al cellulare o effettuino sorpassi a destra.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La McLaren Senna è tutta di Lego: mezzo milione di mattoncini! – FOTO

next
Articolo Successivo

Ford Puma, il ritorno. Ma ora sarà uno sport utility compatto

next