Non è stato un gran periodo, quello delle proteste dei Gilet Gialli, per gli autovelox francesi. Durante le manifestazioni ne sono stati distrutti ben tre su quattro, stando ai rilievi delle autorità transalpine. Che tuttavia sono pronte a rilanciare: è stata infatti avviata la sostituzione dei congegni danneggiati con altri di nuova generazione, con torretta blindata e più difficili da raggiungere, visto che saranno montati a quattro metri d’altezza. Si chiamano Mesta Fusion 2, e potete vederne un esemplare nella foto sopra: garantiscono prestazioni elevate visto che sono in grado di fotografare fino a 32 auto contemporaneamente in eccesso di velocità su 8 corsie. Potranno anche, quando la normativa lo consentirà, di verificare se i passeggeri a bordo indossino le cinture, stiano parlando al cellulare o effettuino sorpassi a destra.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La McLaren Senna è tutta di Lego: mezzo milione di mattoncini! – FOTO

prev
Articolo Successivo

Ford Puma, il ritorno. Ma ora sarà uno sport utility compatto

next