Li hanno uccisi nel momento peggiore, mentre dormivano e si riparavano dal freddo. Due cacciatori, Andrew Renner di 41 anni, e il figlio Owen, di 18, hanno ammazzato una famiglia di orsi (mamma con due cuccioli) in letargo in una spelonca vicino allo Stretto di Prince William, in Alaska. I due, come si vede nel video diffuso da The Humane Society of the USA, associazione che si occupa di tutela degli animali, si sono avvicinati alla grotta sugli sci con fucile e pistola in pugno. Purtroppo per loro, però, proprio in quella zona era stata installata una videocamera per seguire la vita dei tre mammiferi. Padre e figlio sono così finiti davanti a un giudice con l’accusa di aver ucciso gli animali illegalmente (è vietato farlo in inverno in certe zone dello Stato), manomissione delle prove (i due sono tornati sul luogo per recuperare i bossoli e ripulire la scena) e falso. Il padre è stato condannato a cinque mesi di carcere e a una multa di 20mila dollari. Inoltre, le autorità gli hanno sequestrato il pickup, due iPhone, due fucili, due pistole e gli sci e la sua licenza di caccia è stata revocate per la durata di dieci anni. Il figlio, invece, è stato condannato a un periodo ai servizi sociali e a seguire un corso per la sicurezza dei cacciatori. La sua licenza è stata sospesa per due anni.

Video Facebook/The Humane Society

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Filippine, arrestata Maria Ressa: la giornalista critica con il presidente Duterte. “È una parodia della giustizia”

prev
Articolo Successivo

Povia “riabilitato” dalla tv. Ma ce n’era bisogno? Dall’omosessualità ai terremoti, tutte le sue ‘uscite’ da dimenticare

next