Se gli smartphone Huawei P30 e P30 Pro vi piacciono ma non ve li potete permettere, il vostro prossimo smartphone potrebbe essere il Huawei P30 Lite. Al contrario degli altri due, è un prodotto di medio gamma che dovrebbe arrivare in commercio il 10 aprile a un prezzo di listino di 369 euro.

Come scontato la dotazione non è al livello dei fratelli maggiori da 800/1.000 euro, soprattutto per quel che riguarda la dotazione fotografica. Però sulla carta è uno smartphone con un rapporto qualità/prezzo interessante, adatto per chi cerca uno smartphone di qualità a un prezzo accettabile.

Partendo dalla dotazione, troviamo il processore Kirin 710, lo stesso che equipaggiava il predecessore Mate 20 Lite. È un chip molto collaudato, in grado di garantire buone prestazioni per l’utilizzo della stragrande maggioranza di utenti. Ad affiancarlo c’è una piacevole novità: 6 Gigabyte di RAM, due in più del P20 Lite e in linea con la dotazione del nuovo P30. Anche lo spazio di archiviazione è uguale al top di gamma: 128 Gigabyte.

Lo schermo è un modello da 6,15 pollici con risoluzione Full HD+, caratterizzato da un formato in 19,5:9. La fotocamera anteriore da 32 Megapixel è nascosta sotto al moderno notch a goccia, mentre il lettore per le impronte digitali resta sul retro: la versione sotto al display è troppo costosa per un prodotto da 360 euro.

Passiamo alle fotocamere posteriori, che sono tre: il sensore principale da 24 Megapixel, quello secondario da 2 Megapixel per la profondità di campo, e un terzo grandangolare da 8 Megapixel a 120°. È una configurazione molto interessante per la fascia media, che sarà coadiuvata da tutta la parte software di Huawei che ormai ben conosciamo, inclusi gli algoritmi di Intelligenza Artificiale. Tutto è alimentato da una batteria da 3.340 mAh, che concorre a definire un peso di 159 grammi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Italia bersagliata dai virus con riscatto nel 2018, quest’anno il flagello saranno gli indirizzi web falsi

prev
Articolo Successivo

Amazon, le migliori offerte di primavera del 29 marzo

next