Lei è bella, bellissima. Sensuale e attraente. E profuma di “democrazia” fascista. Lo dice lei stessa, che si muove in favore di telecamera suggerendo lusso e benessere, immagini rallentate che indugiano su linee curve e spezzate, sul chiaro molto poco bianco e scuro molto nero). Anzi solo nero, nero fascista, fascista raffinato, perché quel ventennio che inventa l’Italia cento anni fa non esiste più (come la lupara che è passata dai pallettoni ai colletti bianchi, è il progresso) ma si evolve.

L’ultima evoluzione della destra israeliana oggi ha il volto di Ayelet Shaked, ministro della Giustizia israeliana, candidata del partito HaYamin HaHadash (Nuova Destra) alle elezioni politiche del prossimo 9 aprile. Il video della politica 42enne, pubblicato sulla sua pagina Twitter, contiene tutte le parole chiave della sua ascesa nel partito: “riforma giudiziaria“, “separazione dei poteri”, “fermare la Corte suprema“. Poi la ministra si dà una spruzzata di profumo e sussurra: “Per me odora di democrazia“. Lei si è difesa parlando di “autoironia”, uno scherzo per respingere le critiche da sinistra, ma per me si tratta di ostentazione dell’impunità: fare propaganda, fascista, nell’esibire un profumo che non esiste in commercio perché è reale, vivo e applicato sistematicamente. Capolavoro di realtà virtuale. Il popolo palestinese ha diritto di non vivere e morire lentamente. Dalla Shoah ebraica alla Nakba palestinese, catastrofi umane volute da umani, sponde di uno stesso letto di morte, divise da un fiume di denaro che consente a Israele ciò per cui anche l’Onu l’accusa: crimini contro l’umanità (nella Striscia di Gaza metà della popolazione è fatta di bambini e come tali colpevoli d’esser condannati a morte con un timer partito ufficialmente nel 1948).

La destra israeliana sa, come Salvini, criminalizzare l’altro esaltando la superiorità razziale e culturale, raccoglie i voti di chi ha fatto di tutto precedentemente appestando l’aria con l’odore della paura e la promessa di risolvere tutto e subito. Al netto di tutto questo ci sono due notizie, una cattiva e una buona: “Palestina è anche fuori dall’uscio di casa” (come diceva Vittorio Arrigoni) e il mondo è un pianerottolo in cui la comunità internazionale sceglie di non vedere. L’altra notizia, quella buona, è che c’è una parte di mondo che del “profumo” di Ayelet Shaked sente il fetore ed è un mondo che mette insieme popoli e culture diversi, compresi israeliani e palestinesi, le cui sponde non sono separate da un fiume di odio ma collegate da ponti di umanità che resta nonostante tutto.

Aggiornato da redazione web il 26 marzo alle ore 11

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Yemen, quattro anni di guerra. E non se ne vede la fine

prev
Articolo Successivo

Russiagate, Trump si prende la rivincita: ora può rilanciare la sua retorica contro media e dem. Ma non è fuori pericolo

next