A gennaio i rapporti di lavoro a termine convertiti in tempi indeterminati sono stati quasi 115mila, il 98% in più rispetto a quelli stabilizzati nello stesso mese del 2018. I dati dell’ultimo Osservatorio Inps sul precariato confermano quindi la tendenza all’attivazione di contratti stabili al posto di quelli precari, emersa già dai dati su novembre e dicembre, a valle dell’entrata in vigore del decreto Dignità anche per rinnovi e proroghe. Le trasformazioni registrate gennaio superano di oltre 30mila anche quelle del mese precedente. Nel corso del mese inoltre sono stati stipulati 242.598 contratti a termine a fronte degli oltre 292.000 dello stesso mese 2018. Il dato annualizzato, cioè la differenza tra assunzioni e cessazioni negli ultimi dodici mesi, dà un saldo negativo (-31.589) per la prima volta da giugno del 2016. Sono poi cresciute del 13,4% a 201.267 le richieste di sussidio disoccupazione, il dato più alto a gennaio negli ultimi quattro anni.

Complessivamente le assunzioni, riferite ai soli datori di lavoro privati, nel mese di gennaio sono state 604mila: sono quindi diminuite rispetto allo stesso mese del 2018 (-15%). Le cessazioni invece sono state 435.000, in diminuzione rispetto a gennaio 2018 (-12,4%): a diminuire sono le cessazioni di contratti in somministrazione, di rapporti a termine e di rapporti a tempo indeterminato. A crescere sono invece le cessazioni di rapporti con contratto intermittente e di contratti in apprendistato; stabili le cessazioni di rapporti stagionali. Nel mese di gennaio, continua l’analisi dell’Osservatorio Inps, sono stati incentivati 14.608 rapporti di lavoro con i benefici previsti dall’esonero triennale strutturale per le attivazioni di contratti a tempo indeterminato di giovani fino a 35 anni. Il numero dei rapporti incentivati è pari al 5,1% del totale dei tempi indeterminati attivati, tra assunzioni e trasformazioni.

Su base annua la differenza tra assunzioni e cessazioni a gennaio risulta positiva e pari a +370mila, seppur inferiore a quella corrispondente del gennaio 2018 (+535mila) e a quella registrata per il mese precedente, dicembre 2018 (+415mila). I saldi tendenziali per le diverse tipologie contrattuali attestano un andamento particolarmente positivo per i rapporti di lavoro a tempo indeterminato (+274mila, in accelerazione negli ultimi sette mesi) e per l’apprendistato (+82mila, livello tendenziale stabile negli ultimi quattro mesi). Positiva seppur in diminuzione la dinamica del lavoro intermittente (+44mila). Pressoché azzerati risultano invece i saldi per stagionali e somministrati e significativamente negativi (-32mila) – per la prima volta da giugno 2016 – quelli dei contratti a tempo determinato.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sky, ufficiale giudiziario sequestra parte dei macchinari: network non reintegra lavoratori licenziati illegittimamente

next
Articolo Successivo

Alitalia, trovato accordo sulla cassa integrazione per 830 lavoratori. Confermato lo sciopero di lunedì

next