Da Latina alla medaglia di bronzo mondiale negli 800 metri: Devis D’Arpino ha realizzato il suo sogno, conquistando il podio nel sesto e ultimo giorno di gare ufficiali dei Giochi Mondiali Special Olympics di Abu Dhabi. Hanno partecipato 7mila atleti provenienti da 190 Nazioni, in 115 hanno vestito la maglia azzurra rappresentando il nostro Paese all’evento sportivo e umanitario più importante del 2019.

Devis corre sempre, sei giorni a settimana, lungo la pista ciclabile, la salito di Sermoneta o la pista d’atletica di Latina. Lo raccontano i suoi tecnici della Nuova Era e il papà Lello. Una caparbietà premiata con la convocazione e che l’azzurro ha ripagato regalando all’Italia un’altra medaglia: l’ennesima in una giornata in cui anche la pallavolo unificata e il basket tradizionale hanno conquistato l’argento, mentre il basket unificato ha vinto un altro bronzo. Nell’atletica Nicolò Armani argento nei 10mila metri e Michael Bertozzi bronzo negli 800.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tenetevi Alberto Tomba, Sanremo e gli sci dritti da due metri. Noi abbiamo i nostri eroi

prev
Articolo Successivo

Calcio femminile, domenica Juventus e Fiorentina giocano in uno stadio vero. Ed è una notizia

next