Come fosse la sceneggiatura crudele di un film i grillini oggi al Senato votano con le manette ai polsi la liberazione di Matteo Salvini da qualunque processo giudiziario. Oggi, proprio oggi che sono chiamati a garantire all’alleato l’immunizzazione dai giudici, un loro compagno di avventura, un nome tra i più noti, il presidente del consiglio comunale di Roma Marcello De Vito, è arrestato per corruzione, il reato principe, nemico giurato un movimento politico nato proprio per liberare l’Italia dalle corruzioni, un movimento lievitato così tanto al grido di “onestà onestà” da divenire la prima forza politica del Paese. È spietata, e persino oltre l’immaginabile, questa legge del contrappasso, così teatrale nella sua dimensione pubblica, così enorme nella sua disposizione scenica. Conosciamo ora solo spezzoni dell’atto di accusa, che però bastano a rimettere Roma sul banco dell’eterna corrotta, della città irredimibile dai suoi vizi, e i Cinquestelle nel pieno di una crisi di nervi, di uno sbandamento così totale da prefigurare scenari ravvicinati di crisi che dalla Capitale raggiungeranno il governo. Forse suona la campana per Luigi Di Maio e il resto della truppa. Forse siamo all’ultimo giro di giostra.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Alla Camera arriva Lucrezia Mantovani. La soddisfazione di papà Mario, pluri inquisito

prev
Articolo Successivo

Il piccolo Rami e i suoi diritti trasformati in un premio

next