La tragica fine di Lorenzo Orsetti, anarchico fiorentino morto combattendo in terra straniera seguendo il suo ideale è una storia del Novecento. Fuori dal nostro misero tempo. Una storia che ci riporta alle Brigate Internazionali nella guerra di Spagna, che ci riporta alla morte di Ernesto Guevara. Una storia tragica che potrebbe stare in una canzone di Guccini.

Lorenzo non combatteva su Twitter, ha mollato una vita normale, un buon lavoro nella sua città, ha salutato gli amici, i compagni e abbracciato i suoi per imparare il mestiere di soldato. Non per senso di avventura, ma per lucida coerenza politica. E la sua idea era quella anarchica. Non dimentichiamolo. Non era un “crociato”, non faceva parte di quei manipoli che sono andati a combattere i musulmani nell’ex Jugoslavia o nel Caucaso seguendo le idee di suprematismo bianco e cristiano. È andato a combattere al fianco dei Curdi, del popolo che non esiste. Massacrati per oltre un secolo, vittime di un genocidio silente, gasati da Saddam e ignorati praticamente da tutti, eppure gli unici che sono stati capaci di opporsi con successo al Califfato nero e che hanno creato un esperimento di Stato libero, senza padroni, senza sfruttati.

Lorenzo è andato a combattere per tutto quello che nel nostro Parse viene considerato sovversivo. Eppure la sua morte è stata descritta da tutti i media come la morte di un “nostro” eroe.

Gran parte di coloro che ne hanno scritto si solo limitati ad una facile sillogismo. Lo ha ucciso l’Isis, quindi siccome lo Stato islamico è cattivo, per forza Lorenzo doveva stare dalla nostra parte. Lo hanno celebrato anche coloro che, se Lorenzo avesse detto a Firenze ciò che pensava, lo avrebbero additato come un sovversivo pericoloso. Uno da sbattete in galera, non prima di averlo preso a manganellate. Lorenzo in effetti era uno dei cattivi. Di quelli che ancora credono in quella cosa vecchia che sono le idee e che come i vecchi ruderi del secolo passato, per le idee sono anche disposti a farsi ammazzare. Le sue idee anarchiche, libertarie, comuniste sono indicate quotidianamente da quelli che oggi lo celebrano (forse ignorando cosa pensasse e cosa lo avesse spinto fino in Siria) come il male assoluto. Di chi era e cosa pensasse a costoro importa credo davvero poco.

Per il pigro cinismo dei commentatori di casa nostra conta solo la pallottola che lo ha ucciso ed era la pallottola giusta: quella del cattivo islamico, del terrorista, l’unico del quale dobbiamo – come ci ha sapientemente spiegato il ministro dell’Interno – davvero aver paura.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Successivo

Diciotti, oggi al Senato il voto sull’autorizzazione a procedere nei confronti del ministro Salvini. Segui la diretta

next