Strage alla moschea di Christchurch? Non vorrei banalizzarla troppo, ma se quel signore avesse avuto una madre o una compagna o una moglie o una fidanzata che si fossero maggiormente occupate di lui, magari non avrebbe fatto il suprematista“. Così, a Otto e Mezzo (La7), il direttore de Il Giornale, Alessandro Sallusti, risponde ad Antonio Padellaro de Il Fatto Quotidiano circa la pericolosità del “Congresso mondiale delle famiglie” di Verona, a cui prenderanno parte il ministro dell’Interno Salvini e il ministro della Famiglia Lorenzo Fontana.

Padellaro osserva: “Questo convegno a Verona e manifestazioni assimilabili rientrano in questo mondo del suprematismo bianco, che tende a recuperare in maniera spesso patologica i cosiddetti valori che sarebbero stati calpestati dal permissivismo, dai Gay Pride, dalla omosessualità. E quindi bisogna fare attenzione a queste manifestazioni”.
Sallusti replica puntando il dito contro la madre e la compagna dell’autore della strage di Christchurch, Brenton Tarrant.
Padellaro ribatte: “Ah, è colpa delle donne australiane“.
La conduttrice Lilli Gruber commenta: “Oh, abbiamo trovato le colpevoli. Alessandro, non sapevo che tu fossi di vedute così ampie su queste questioni”.

Sallusti difende pervicacemente il Congresso mondiale delle Famiglie, che si terrà a fine marzo a Verona, lanciando un’accusa al vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, che in più occasioni ha stigmatizzato l’evento: il politico 5 Stelle insulterebbe i cattolici. E spiega: “Tra le libertà e i diritti delle donne, c’è e ci deve essere anche la libertà di essere innanzitutto madre dei suoi figli, compagna del marito, custode dei valori familiari. E non sono donne di serie B, ma donne di serie A. La donna è anche e soprattutto madre“.
“E chi sta considerando di serie B queste donne che si dedicano ai propri figli?”, chiede Gruber.
E’ Di Maio” – risponde Sallusti – “Le ha chiamate ‘sfigate’. Credo che in quel congresso a Verona si possano sentire cose di molto più buon senso di quelle che vengono dette ai Gay Pride, dove i politici vanno applauditi da tutti. A fa più specie vedere i politici che sfilano ai Gay Pride, considerati una pagliacciata anche da molti omosessuali, mentre il problema della omosessualità è assolutamente sdoganato”.
La conduttrice ribatte: “Alessandro, la differenza col congresso di Verona è che il Gay Pride non è una parata che chiede di negare i diritti civili a qualcuno. Il raduno di Verona, invece, ha altri propositi e tra i suoi partecipanti non ha personaggi rassicuranti su questo fronte”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Successivo

Basilicata, la candidata leghista Gerarda Russo blocca il comizio e risponde ai contestatori: “Io sono fascista!”

next