Da oggi l’app Google Pay diventa più utile. Oltre a tessere fedeltà, carte di credito e carte regalo, ma da oggi si possono includere nell’app anche le carte d’imbarco degli aerei. Gli utenti iPhone e iPad lo possono già fare con l’app Wallet, per quelli Android la funzione era abilitata solo in alcune nazioni, non in Italia.

È una caratteristica utile, perché quando si riceve il biglietto aereo via mail molti giorni prima della partenza, si finisce per faticare a ritrovarlo nel flusso di messaggi che si moltiplicano con il passare del tempo. In Google Play invece è a portata di mano, bene in vista.

Per capire bene come funziona abbiamo fatto un test con una carta d’imbarco Ryanair. Per prima cosa abbiamo effettuato il check-in all’interno dell’applicazione della compagnia aerea. A questo punto è apparsa sullo schermo la carta d’imbarco, corredata dalla scritta “GPay – save to phone”, che si può vedere a sinistra nell’immagine che abbiamo catturato. Per includere il documento d’imbarco in Google Play è sufficiente cliccare sulla voce evidenziata sopra e salvare il documento di viaggio con l’apposito pulsante (al centro dell’immagine).

Per mostrare la carta d’imbarco in aeroporto basta avviare l’app e accedere alla sezione “pass” di Google Pay. Ci sono diversi metodi per poter essere accreditati sull’aereo: si può mostrare il titolo di viaggio attraverso lo schermo dello smartphone, visualizzare il codice QR mostrato sul display dello smartwatch con sistema operativo Wear OS (a patto che sia compatibile con Google Pay) oppure inviare i dati d’imbarco servendosi del chip NFC. 

Una grande comodità, che colma anche in Italia il gap del servizio di Google rispetto all’app Wallet di Apple.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lockheed Martin userà i satelliti per connettersi da aree remote e disastrate

prev
Articolo Successivo

WWDC 2019: conferenza mondiale degli sviluppatori Apple. Sicuro l’annuncio di iOS 13

next