Ieri avevano festeggiato in famiglia il compleanno di Giacomo, che aveva compiuto 19 anni. Oggi Giacomo Lupo e il padre Antonino, 53 anni e una sfilza di precedenti penali per droga, sono stati uccisi a colpi d’arma da fuoco in un agguato nel rione Zen di Palermo. Tra i casermoni rosa chiamati “padiglioni” con all’interno le “corti” pensate per ricreare l’ambiente dei vicoli del centro storico, ma diventate il luogo ideale per lo spaccio degli stupefacenti.

L’imboscata è scattata in via Rocky Marciano, a poca distanza dall’abitazione delle vittime, in via Agesia di Siracusa. Subito dopo la sparatoria alcuni familiari, che hanno sentito i colpi di pistola e hanno intuito quanto stava accadendo, sono scesi in strada e hanno caricato su un’auto Antonino Lupo, che sembrava il più grave, mentre Giacomo è stato soccorso da un’ambulanza del 118. Una corsa che si è rivelata inutile. Quando sono arrivati nel Pronto soccorso dell’ospedale Villa Sofia erano già morti.
Davanti all’astanteria dell’area di emergenza si è immediatamente radunata una folla composta da parenti e amici delle due vittime che hanno cominciato a urlare e a dare in escandescenze. Gli agenti di polizia hanno sedato gli animi e riportato la situazione sotto controllo.

I due cadaveri sono stati trasferiti nella camera mortuaria, in attesa dell’arrivo del medico legale che dovrà eseguire l’autopsia e del sostituto procuratore di turno chiamato a coordinare l’inchiesta. Le indagini si sono subito indirizzate verso l’ambiente dello spaccio degli stupefacenti attorno al quale orbitava Antonino Lupo, mentre il figlio Giacomo per gli archivi di polizia risulta incensurato. Sul suo profilo facebook le foto di un giovane amante della forma fisica e dei tatuaggi, sullo sfondo dei casermoni dello Zen. E poi la foto di Al Pacino tratta dal film “Scarface” con un commento: “Fermare me è come fermare il tempo. Impossibile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vicenza, rapinatore tira fuori dall’auto una donna poi la travolge e la uccide

prev
Articolo Successivo

Uccisa dal marito a Genova, il fratello della vittima: “Lo aveva illuso? Non scherziamo. Lui era violento da sempre”

next