La condanna a Jonella Ligresti e altri manager di Fonsai è stata annullata. Il processo dovrà ricominciare da capo, ma a Milano. La prima sezione della Corte d’appello di Torino ha accolto le istanze delle difese che avevano sollevato dubbi sulla competenza territoriale del Tribunale piemontese e ha annullato quindi la condanna di primo grado nei confronti della figlia dell’ingegnere Salvatore Ligresti, dell’ex amministratore delegato Fausto Marchionni e al revisore Riccardo Ottaviani.

L’11 ottobre 2016 i giudici torinesi avevano condannato a sei anni di reclusione l’ingegnere di Paternò creatore di un grosso impero immobiliare e finanziario e a cinque anni e otto mesi la figlia Jonella. Per l’ex Marchionni la pena era di cinque anni e tre mesi e per Ottaviani due anni e sei mesi. L’ex vicepresidente Antonio Talarico e l’altro revisore dei conti, Ambrogio Virgilio, erano stati assolti. Il ricorso delle parti civili contro queste assoluzioni è stato ritenuto inammissibile.

I Ligresti erano accusati di falso in bilancio e aggiotaggio: secondo le indagini della Guardia di Finanza, gli imputati avevano ridotto le “riserve” di bilancio, rassicurando però i soci sulla buona salute di Fonsai e nascondendo un buco da 800 milioni di euro. A Milano era stato processo Paolo Gioacchino Ligresti ed era stato assolto. Sempre i giudici di Milano, poi, avevano scarcerato Giulia Ligresti alla quale, invece, il Tribunale di Sorveglianza di Torino aveva negato l’affidamento in prova.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Termini Imerese, domiciliari per i vertici Blutec: “16 dei 21 milioni di fondi statali per riconversione usati in altri impianti”

next
Articolo Successivo

Appalti, Cantone: “La corruzione non si combatte col buonsenso. Il sistema funziona se ci sono regole chiare”

next