Stiamo assistendo a una strana storia d’amore tra chi dice di voler cambiare le cose e i dinosauri dello status quo. Uno scenario grottesco e italianissimo, che dimostra come buona parte della politica e la vecchia industria musicale siano ormai irreparabilmente lontane da ciò che succede nella vita reale. Ma andiamo con ordine.

Finito il festival di Sanremo, l’ex direttore di Radio Padania e oggi deputato della Lega Alessandro Morelli tuona: “la vittoria di Mahmood all’Ariston dimostra che grandi lobby e interessi politici hanno la meglio rispetto alla musica“. Da un lato uno penserebbe che il presidente della Commissione Trasporti e Telecomunicazioni abbia argomenti più seri di cui occuparsi, dall’altro lato un ottimista potrebbe dire: ok, vediamo se il sacro fuoco di Morelli magari genera qualcosa di positivo per la nostra povera musica italiana.

La risposta, purtroppo, è: assolutamente no. L’ex radiopadano si inventa una proposta di legge che, se approvata, obbligherebbe tutte le radio a trasmettere artisti italiani per almeno un terzo delle proprie programmazioni. Cosa che buona parte delle radio fanno già (anche se il dato è controverso), che non escluderebbe assolutamente la canzone dell’italiano Mahmood e che soprattutto non si capisce in che cosa combatterebbe lo strapotere delle “lobby” e degli “interessi politici”. Dal punto di vista editoriale, in un mondo dominato dalle major la differenza non la fa il dato anagrafico: spesso sono gli stessi discografici a passare all’incasso a prescindere dal fatto che il brano trasmesso sia della affermata popstar internazionale o del vincitore del talent show italiano, magari giovanissimo e all’esordio ufficiale. E, dal punto di vista dell’autore indipendente, permettetemi di assicurarvi che a noi non cambia assolutamente niente se i soldi vanno in tasca agli U2 o a chiunque abbia vinto Amici quest’anno.

Ecco perché la parte più ipocrita della proposta Morelli è quella che propone di riservare il 10% del terzo di programmazione dedicato agli italiani – quindi a conti fatti il 3,3% – agli artisti giovani ed esordienti. Una percentuale ridicola e una definizione che non vuol dire assolutamente niente, appunto perché ci rientrerebbero senza problemi perfino i vincitori dei talent show, i quali di certo non hanno bisogno di questo tipo di aiutini. Non una parola, ovviamente, di sostegno agli indipendenti e agli autoprodotti. Non un passo nell’unica direzione che avrebbe fatto veramente la differenza, quella del supporto alla parte più viva e interessante delle produzioni musicali italiane. Ma, del resto, non posso dire di essere sorpreso.

Ora, fino a ieri si poteva pensare di poter archiviare tranquillamente il tutto come una proposta propagandistica e inutile, frutto del clima di campagna elettorale permanente a cui, purtroppo, siamo ormai abituati. E invece, colpo di scena. Chi viene in aiuto alla proposta di legge che, così inefficacemente, doveva combattere le grandi lobby della musica? Giustappunto la più grande e spaventosa lobby della musica italiana: la Siae. Il suo presidente, Mogol, si lancia addirittura in una chiamata alle armi nei confronti degli associati: “Chiedo a tutti voi di contribuire a questa battaglia per la valorizzazione della nostra musica nelle radio”.

Il sostegno di Mogol e della Siae alla proposta leghista è la perfetta chiusura del cerchio. Il sistema si rigenera, i dinosauri diventano gattopardi e vogliono cambiare perché non cambi nulla. Da Mogol, chiaramente, non c’era altro di aspettarsi: è un signore di 82 anni che ha avuto enormi meriti artistici ai suoi tempi e ha tuttora (ripeto: meritatamente) altrettanto enormi interessi economici sulle programmazioni radiofoniche. Ma il mondo della musica reale, che ha interessi e problemi ben diversi, non può accettare di farsi rappresentare in questi termini. Questa storia d’amore tra leghisti e dinosauri non ci appassiona e non ci appartiene.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Omar Pedrini torna in tour. Riprende il viaggio (senza vento) dei Timoria

prev
Articolo Successivo

Sapete cos’è una Festschrift? Quella di Paolo Fabbri è stata eccellente

next