Nintendo ha oggi annunciato l’arrivo di due nuovi titoli RPG della saga Pokémon per Nintendo Switch, che vedranno gli “allenatori” vecchi e nuovi avventurarsi nella regione di Galar nel percorso per ottenere il titolo di Campione.

Galar è una nuova regione che vede un misto di paesaggi, da zone rurali a città moderne, ma anche picchi innevati. Nuova regione vuol dire anche nuovi Pokémon, tra cui i tre che i giocatori potranno scegliere all’inizio della loro avventura: Grookey, un Pokémon/scimmia d’erba, Scorbunny, un Pokémon/coniglio di fuoco e Sobble, un Pokémon/lucertola acquatico.

Dalle prime immagini disponibili, i due nuovi giochi sembrano effettuare un ulteriore passo avanti per quanto riguarda il reparto grafico rispetto ai due Let’s Go, nonostante i limiti posti dall’hardware della console di Nintendo. Pokémon Spada e Pokémon Scudo saranno disponibili a fine del 2019, maggiori dettagli saranno forniti dalla casa giapponese nei mesi a venire.

 

Fonte immagini: Nintendo
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Kaspersky lavora alla sicurezza dei dispositivi medici connessi alla rete

prev
Articolo Successivo

Uno sguardo da vicino al Nokia 9 PureView, lo smartphone con 5 fotocamere

next