È tornato a casa da una settimana, dopo avere trascorso i suoi primi cinque mesi di vita in ospedale. Perché il neonato, nato a Tokyo, alla nascita pesava 268 grammi. Ed è lui, a oggi, il bimbo più piccolo mai venuto al mondo. Dopo di lui un bimbo nato nel 2008 che pesava 274 grammi e una bimba di 252 nel 2015, entrambi tedeschi. A conservare l’anagrafe dei prematuri più ‘leggeri’ del mondo è l’Università dell’Iowa.

Il piccolo, nonostante le scarse probabilità di sopravvivenza, ora sta bene e pesa 3,28 chilogrammi. Il bambino era stato fatto nascere con un cesareo d’urgenza ad agosto, quando la madre era appena alla 24esima settimana di gestazione. I medici lo consideravano un caso disperato, come riporta The Japan Times, ma le cure ricevute nell’unità di terapia intensiva neonatale dell’ospedale l’hanno salvato. Durante la degenza è cresciuto a sufficienza per essere dimesso ed è stato anche allattato al seno.

Secondo il registro dell’Università dell’Iowa, altri 23 bambini in tutto il mondo sono nati prematuri con un peso inferiore ai 300 grammi e sono sopravvissuti. Solo 4 i maschi. Il tasso di sopravvivenza dei bambini prematuri è inferiore a quello delle bambine. Gli esperti non sono ancora sicuri del perché, anche se alcuni specialisti ipotizzano che ciò potrebbe dipendere in parte dallo sviluppo dei polmoni, più lento nei maschi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

FarFarOut, ecco l’oggetto celeste del sistema solare più lontano mai scoperto

next
Articolo Successivo

Non è vero, gli spinaci non sono ricchi di ferro. Ma la bufala è nata prima del cartone animato

next