Samsung si presenta al Mobile World Congress 2019 con un nuovo smartphone di fascia intermedia, il Galaxy A50. Liquidati i top di gamma in un evento dedicato, alla fiera di Barcellona l’attenzione è focalizzata sull’ampia fascia di utenti con un budget inferiore a 400 euro. La caratteristica principale del nuovo modello infatti è il prezzo. Per fronteggiare la concorrenza agguerrita di Huawei e Xiaomi, l’azienda sud coreana propone il modello A50 a 359 euro. Un anno fa uno smartphone di pari caratteristiche sarebbe stato ben più costoso.

Parliamo infatti di un prodotto con tripla fotocamera posteriore, schermo Super AMOLED e 4 o 6 Gigabyte di RAM. Il display è un modello Infinity U e il Galaxy A50 è il primo smartphone di fascia media che dispone del lettore per le impronte digitali montato sotto allo schermo. Quest’ultimo ha una risoluzione Full HD+ (1.080 x 2.340 pixel) ed è una garanzia dal punto di vista qualitativo. In fatto di schermi Samsung è tra le aziende leader, e averne uno come questo su un prodotto da 359 euro può fare la differenza rispetto ai concorrenti.

Il processore è un Exynos 9610, un chip realizzato un anno fa apposta per la fascia media, che promette buone prestazioni e un valido supporto per le foto. Abbiamo avuto modo di usare l’A50 per qualche minuto e ci è sembrato che svolgesse senza intoppi le operazioni di base. Occorreranno prove approfondite per verificare se possa reggere il confronto con le soluzioni Qualcomm nello stesso segmento. Lo spazio di archiviazione interno è di 128 GB.

Le fotografie sono affidate a una tripla fotocamera composta da un sensore da 25 Megapixel, uno da 5 MP e uno da 8 megapixel. Per i selfie e le videochiamate c’è invece un sensore frontale da 25 megapixel. Come sempre occorrerà testare tutto sul campo, ma facendo qualche scatto in fiera la prima sensazione è che il Galaxy A50 benefici di una messa a fuoco efficace e di un’elevata velocità di scatto.

La batteria è un modello da 4000 mAh con supporto alla carica rapida; necessita di test prolungati per essere valutata adeguatamente. Per quanto riguarda il design, nelle foto che abbiamo scattato in fiera si vede la variante cromatica Blue. Il rivestimento è realizzato in vetro e metallo e la qualità costruttiva è buona. Al tatto sembra di avere tra le mani uno smartphone di fascia superiore. Il notch a goccia (la tacca nella parte superiore dello schermo, che è stata riveduta e ridotta, appunto, a una goccia), è ben integrato, e le cornici attorno allo schermo sono sottili, ma sufficienti per evitare selezioni involontarie mentre si maneggia il prodotto.

Per quanto visto finora, le premesse del Galaxy A50 sembrano positive. Dovrebbe arrivare in Italia a marzo, ma attendiamo comunicazioni precise in merito. Dovrà vedersela con i prodotti della gamma Redmi di Xiaomi e con le varie versioni “Lite” di Huawei. Non vediamo l’ora di fare i test per una valutazione approfondita.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Unesco propone il software come patrimonio dell’umanità. Una rivoluzione epocale

next
Articolo Successivo

L’Intelligenza Artificiale migliora l’efficienza dei parchi eolici e ottimizza la gestione dell’energia pulita

next