Botta e risposta vivace a Otto e Mezzo (La7) tra il direttore de Il Giornale, Alessandro Sallusti, e il giornalista Luca Telese sul caso del consigliere comunale leghista di Amelia (Terni), Massimiliano Galli, e del suo insulto sessista alla cantante Emma Marrone. Il politico umbro è stato espulso dalla Lega.
Sallusti commenta: “Non faccio il moralista, ma credo che una persona del genere non è all’altezza di una funzione pubblica. E infatti è stato subito ripreso e cacciato dalla Lega. C’è da dire che, secondo me, la maggior parte dei fan di questa bravissima cantante sono favorevoli non alle gambe aperte, ma ai porti chiusi. Questa è una verità che si può dire senza passare per omofobi e razzisti. Un conto sono gli artisti che vivono nel loro mondo dorato, un altro conto sono i loro fan che magari arrivano dalle periferie delle grandi città“.
Anche tu vivi nel mondo dorato” – insorge Telese – “Forse tu guadagni più o meno quanto Emma Marrone. Quindi, perché noi dovremmo stare, secondo te, nel mondo reale e gli artisti nel mondo dorato? Ho anche visto il video in cui Emma ha pianto sul palco e ne sono rimasto impressionato. Se fossi in te, non farei battute sull’apertura delle gambe. Hai fatto il gioco di parole, non è bello. Stai delegittimando Emma Marrone parlando di ‘mondo dorato’. Anche tu hai una bellissima villa a Forte dei Marmi. Che senso ha quello che dici?”.
“I fan di molti artisti vivono nelle periferie delle città” – ripete a più riprese Sallusti – “e hanno qualche problema con l’immigrazione“.
“Magari tra i fan ci sono anche quelli che in casa hanno problemi di violenza domestica“, ribatte l’attrice Jasmine Trinca.
“Io sto parlando di immigrati” – ribadisce Sallusti – “Ho detto semplicemente che, se facessimo un sondaggio sui fan di questa artista, la maggior parte sarebbe favorevole ai porti chiusi. Non credo di aver detto una bestemmia o un’offesa”.
“Sono speculazioni”, commenta la conduttrice Lilli Gruber.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cazzola vs Corrao (M5s): “Voi al governo, spero di morire presto”. “Non posso sentirla”. Lite in studio (con parolaccia)

prev
Articolo Successivo

Etruria, Boschi: “Di Maio e Di Battista? Loro responsabili in prima persona società genitori. Mio caso è diverso”

next