Botta e risposta vivace a Otto e Mezzo (La7) tra il direttore de Il Giornale, Alessandro Sallusti, e il giornalista Luca Telese sul caso del consigliere comunale leghista di Amelia (Terni), Massimiliano Galli, e del suo insulto sessista alla cantante Emma Marrone. Il politico umbro è stato espulso dalla Lega.
Sallusti commenta: “Non faccio il moralista, ma credo che una persona del genere non è all’altezza di una funzione pubblica. E infatti è stato subito ripreso e cacciato dalla Lega. C’è da dire che, secondo me, la maggior parte dei fan di questa bravissima cantante sono favorevoli non alle gambe aperte, ma ai porti chiusi. Questa è una verità che si può dire senza passare per omofobi e razzisti. Un conto sono gli artisti che vivono nel loro mondo dorato, un altro conto sono i loro fan che magari arrivano dalle periferie delle grandi città“.
Anche tu vivi nel mondo dorato” – insorge Telese – “Forse tu guadagni più o meno quanto Emma Marrone. Quindi, perché noi dovremmo stare, secondo te, nel mondo reale e gli artisti nel mondo dorato? Ho anche visto il video in cui Emma ha pianto sul palco e ne sono rimasto impressionato. Se fossi in te, non farei battute sull’apertura delle gambe. Hai fatto il gioco di parole, non è bello. Stai delegittimando Emma Marrone parlando di ‘mondo dorato’. Anche tu hai una bellissima villa a Forte dei Marmi. Che senso ha quello che dici?”.
“I fan di molti artisti vivono nelle periferie delle città” – ripete a più riprese Sallusti – “e hanno qualche problema con l’immigrazione“.
“Magari tra i fan ci sono anche quelli che in casa hanno problemi di violenza domestica“, ribatte l’attrice Jasmine Trinca.
“Io sto parlando di immigrati” – ribadisce Sallusti – “Ho detto semplicemente che, se facessimo un sondaggio sui fan di questa artista, la maggior parte sarebbe favorevole ai porti chiusi. Non credo di aver detto una bestemmia o un’offesa”.
“Sono speculazioni”, commenta la conduttrice Lilli Gruber.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cazzola vs Corrao (M5s): “Voi al governo, spero di morire presto”. “Non posso sentirla”. Lite in studio (con parolaccia)

next
Articolo Successivo

Etruria, Boschi: “Di Maio e Di Battista? Loro responsabili in prima persona società genitori. Mio caso è diverso”

next