Scoperto il corpo celeste “ancora più lontano” del Sistema Solare. È stato chiamato proprio così, cioè FarFarOut, per distinguerlo da quello chiamato ‘più lontano’ che era stato scoperto nel dicembre 2018, distante 18 miliardi di chilometri dal Sole. Il nuovo oggetto, come riporta Science, infatti lo fa scendere dal podio, trovandosi a più di 20 miliardi di chilometri dalla nostra stella, vale a dire 3,5 volte più lontano di Plutone.

La scoperta, non ancora confermata, arriva dagli Stati Uniti e si deve a Scott Sheppard, della Carnegie Institution, che guida la caccia al misterioso Pianeta 9. Per il momento, di FarFarOut si sa ancora pochissimo, come d’altronde anche del suo predecessore: a quelle distanze, infatti, le orbite sono incredibilmente ampie e quindi sono necessari anni di osservazioni per riuscire a raccogliere maggiori informazioni. Sheppard ha individuato FarFarOut per caso, mentre riesaminava vecchi dati mentre una tempesta di neve lo aveva bloccato, costringendolo a rinviare un impegno.

La scoperta di questi oggetti è anche importante per chi, come Sheppard, è alla ricerca del Pianeta 9: le loro orbite così lontane potrebbero subire l’influenza dell’ipotetico pianeta, che si pensa si trovi a oltre 30 miliardi di chilometri dal Sole. Per Sheppard “questi corpi celesti così distanti sono come briciole di pane che ci conducono al Pianeta 9. Più ne troviamo – aggiunge – meglio potremo capire la zona più esterna del Sistema Solare e la possibile esistenza di un pianeta che modelli le loro orbite. Sarebbe una scoperta che riscriverebbe tutto ciò che sappiamo sull’evoluzione del Sistema Solare”. 

L’articolo su Science

Foto: NASA/JPL-CALTECH

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antartide, Nasa: “Un iceberg grande due volte New York si sta staccando”

next
Articolo Successivo

Giappone, alla nascita pesava 268 grammi: dopo 5 mesi va a casa il bimbo prematuro più piccolo del mondo

next