8. Oscar e discriminazione: quando la vincitrice si è dovuta sedere in fondo alla sala
Negli anni, la prestigiosa istituzione si è attirata molte accuse di discriminazione per i pochi premi assegnati alle minoranze etniche (fino alla protesta social #OscarSoWhite). La prima attrice afroamericana a vincere un premio Oscar come miglior attrice non protagonista è stata Hattie McDaniel, la Mami di “Via col Vento” nel 1940. Paradossalmente, ha dovuto assistere alla cerimonia di premiazione in una zona separata della sala, per via delle leggi sulla segregazione razziale. Ci sono voluti 50 anni perché un’altra donna afroamericana vincesse di nuovo lo stesso premio: Whoopi Goldberg, nel 1991. Nel 1964 fu Sidney Poitier il primo attore di colore ad essere premiato. Nel 2002 vinsero l’Oscar Denzel Washington (miglior attore protagonista) e Halle Berry (miglior attrice protagonista). Famoso il discorso dell’attrice: “È per tutte le donne di colore senza nome, senza volto, che ora hanno una possibilità perché stanotte questa porta è stata aperta”. In realtà Hollywood non è stata molto tenera nemmeno con le donne: in novant’anni di storia solo una donna, Kathryn Bigelow, ha vinto come miglior regista nel 2010 con The Hurt Locker.

9. Lo scambio delle buste (e la volta in cui tutti ci sperarono)
Anche i migliori sbagliano. Nel 2017, Warren Beatty e Faye Dunaway hanno proclamato La La Land vincitore del premio più prestigioso, miglior film. Boato in sala, tutto il cast sul palco. Solo a metà del discorso di ringraziamento, uno dei produttori del film si è reso conto dell’errore: Beatty aveva letto da una busta sbagliata, il vero vincitore era invece Moonlight. Si pensò a uno scambio di buste anche nel 1977, quando Rocky vinse come miglior film battendo Taxi Driver e Tutti gli uomini del presidente. In quel caso però, era tutto vero. È della notte degli Oscar infine il tweet più rilanciato della storia.

INDIETRO

Oscar, i 90 anni del premio: dalla volta in cui lo presentò Paperino ai grandi esclusi (Kubrick incluso) che non l’hanno mai vinto

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mamma+mamma, una storia d’amore e maternità universale

next
Articolo Successivo

Oscar, migliore attrice: la critica vuole Olivia Colman, il pubblico Lady Gaga e la giustizia Glenn Close

next