4.Quelli che non vinsero mai…

“Se vivi abbastanza a lungo e sei in grado di parlare, un Oscar puoi sempre vincerlo”, disse una volta John Wayne. In realtà, ci sono molti registi passati alla storia senza aver mai vinto l’Academy: Alfred Hitchcock, Stanley Kubrick (che vinse nel 1969 per gli effetti speciali di 2001 Odissea nello spazio), Orson Welles (che si aggiudicò la miglior sceneggiatura originale per Quarto potere), Charlie Chaplin (premiato però per la colonna sonora di Luci della ribalta) e Sergio Leone, solo per citare i casi più eclatanti. Ad alcuni di loro è stato assegnato un premio onorario, come a Federico Fellini, candidato ben dodici volte. Celebri anche “i grandi esclusi” tra gli attori: Greta Garbo, nonostante quattro nomination, vinse solo un premio onorario nel 1955. Richard Burton, candidato sette volte, non vinse mai, tanto che Elizabeth Taylor alla fine disertò la cerimonia per protesta. Quest’anno potrebbe essere la volta buona per Glenn Close, lasciata a mani vuote per ben sei volte, e di nuovo candidata per The Wife.

5. …e quelli che vinsero moltissimo

L’uomo più premiato in assoluto dagli Academy è Walt Disney: 22 statuette sulla mensola, di cui 4 onorarie, e 59 nomination. La donna dei record invece è Edith Head, premiata 8 volte nella categoria “miglior costume”. Forse il suo nome non vi dirà molto, ma si devono a lei gli iconici abiti di Grace Kelly in Rear Window, o quelli di Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany e Vacanze Romane. Nel 1951 prese addirittura due Oscar, uno per un film a colori e uno per un film in bianco e nero. I film più premiati di sempre sono invece Ben Hur (1959) Titanic (1997) e Il Signore degli Anelli: Il Ritorno del Re (2003). Tutti e tre detengono 11 statuette, ma solo l’ultimo ha vinto in tutte le categorie in cui è stato nominato.

INDIETRO

Oscar, i 90 anni del premio: dalla volta in cui lo presentò Paperino ai grandi esclusi (Kubrick incluso) che non l’hanno mai vinto

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mamma+mamma, una storia d’amore e maternità universale

next
Articolo Successivo

Oscar, migliore attrice: la critica vuole Olivia Colman, il pubblico Lady Gaga e la giustizia Glenn Close

next