6. Il premio vinto senza nomination e i pari-merito
C’è stato addirittura chi è stato capace di vincere senza essere in gara: il direttore della fotografia Hal Mohr, nel 1935, fu il primo (e unico) caso di “write-in vote”, una pratica che l’Academy abolì l’anno successivo. Due volte invece ci fu un caso di parità: nel 1932, tra Wallace Beery e Fredrich March, e nel 1969, tra Katharine Hepburn e Barbra Streisand. La Hepburn, che poco si curava della mondanità di Hollywood, lasciò il palco alla Streisand, che ritirò la statuetta come migliore attrice per Funny Girl.

7. Oscar e Nobel? Sì, è successo
Sembra impossibile, ma qualcuno è riuscito a vincere sia il premio Nobel che il premio Oscar. Il primo (ma non l’unico) fu lo scrittore George Bernard Shaw: nel 1925 vinse il Nobel per la letteratura e nel 1938 il premio Oscar per la miglior sceneggiatura non originale, Pigmalione. Recentemente è stato affiancato da Bob Dylan, che ha vinto nel 2001 l’Oscar per la migliore canzone (Things Have Changed) e nel 2016 il premio Nobel per la letteratura.

INDIETRO

Oscar, i 90 anni del premio: dalla volta in cui lo presentò Paperino ai grandi esclusi (Kubrick incluso) che non l’hanno mai vinto

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mamma+mamma, una storia d’amore e maternità universale

next
Articolo Successivo

Oscar, migliore attrice: la critica vuole Olivia Colman, il pubblico Lady Gaga e la giustizia Glenn Close

next