Se poteste scegliere un emoticons da mettere sulla targa della vostra auto, quale vorreste? Per gli italiani è una domanda retorica, per gli automobilisti australiani è una questione di imminente attualità. Il Governo dello stato australiano del Queensland, dal 1 marzo permetterà di personalizzare le targhe delle auto usando, appunto, le faccine.

La scelta non è ampia, al momento sono previste solo cinque emoji, tutte classiche e tutte sorridenti. Quella con gli occhiali da sole, la faccina che strizza l’occhio, lo smiley che ride, quello che sghignazza fino alle lacrime, e infine la faccina che ha due cuori al posto degli occhi. Una selezione che sprizza buonumore. Non è dato sapere se in futuro la scelta sarà ampliata.

L’allegria sicuramente serpeggerà alle casse del Dipartimento dei Trasporti del Queensland, dato che i potenziali 3,5 milioni di automobilisti residenti dovranno pagare 475 dollari australiani (circa 298 euro) ciascuno per avere la faccina sulla targa.

La personalizzazione comprende anche la scritta, che corrisponde al nostro numero di targa, ed è composta da una combinazione a scelta di 3 lettere e 2 numeri. Il sito ufficiale dell’azienda Personalized Plates Queensland, che si occupa delle nuove targhe, promuove la novità lanciando addirittura un concorso a premi per la targa più originale: in palio un iPhone XS Max e un pacchetto di oggetti emoji del valore di 2000 dollari australiani.

Immagine: Depositphotos

 

Inutile dire che le prenotazioni stanno crescendo a vista d’occhio, sintomo che nonostante i commenti ironici e scettici che circolano della terra dei canguri, sono in molti ad avere trovato l’idea di buon gusto. Un portavoce del Royal Automobile Club of Queensland (RACQ) minimizza la novità, spiegando che non è molto differente dal mettere sulla targa il logo della propria squadra di calcio preferita. Ecco perché in Italia non sarebbe una buona idea avere le targhe personalizzate!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La visualizzazione 3D fa passi avanti, con il progetto Levitate si potranno toccare gli oggetti fluttuanti

prev
Articolo Successivo

WhatsApp su iPhone ha una falla nello sblocco con Face ID, ecco che cosa fare

next