E’ morta Marisa Luisa Monti Riffeser, presidente di Poligrafici editoriale e vicepresidente di Monrif nonché unica donna editrice di quotidiani in Italia. Aveva 88 anni. La notizia della scomparsa è stata diffusa dalle due società con un comunicato congiunto. Monti Riffeser era nata a Ravenna il 28 dicembre 1930 e ha avuto tre figli: Andrea – vicepresidente e amministratore delegato di Poligrafici editoriale e presidente della Fieg, Federazione italiana editori giornali – Claudio e Monica. Oltre che nell’editoria, è stata impegnata nel campo della moda con la griffe Monrif, specializzata nella produzione di accessori per il tempo libero e in particolare per l’equitazione. Suo padre, Attilio Monti, è stato il fondatore del gruppo editoriale che controlla Il Resto del Carlino, La Nazione e Il Giorno.

“La scomparsa di Marisa Monti Riffeser lascia un grande vuoto nel panorama editoriale italiano – ha ricordato il vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella – Imprenditrice attenta e illuminata, i suoi giornali hanno sempre saputo raccontare in modo interessante e imparziale i territori in cui sono radicati”. E anche il sindaco di Bologna, Virginio Merola ha espresso il suo cordoglio. “Bologna perde un’imprenditrice tenace, unica donna editrice di quotidiani in Italia – ha scritto in una nota -. Marisa Monti Riffeser ha legato il suo nome al Resto del Carlino, punto di riferimento per l’informazione nella nostra città e nella nostra regione, e ad altre importanti iniziative editoriali. Alla sua famiglia va il mio sentito cordoglio unito a quello di tutta la città”.

Sul sito del gruppo, Quotidiano.net, vengono ricordati alcuni tratti del suo carattere: “Si schermiva se qualcuno l’avvicinava alla mitica Katharine Graham, la proprietaria del Washington Post, ma Marisa Monti Riffeser è stata pur sempre l’unica donna editrice di quotidiani nella storia del nostro paese e con il figlio maggiore Andrea ne ha guidati un bel numero. La vita non le aveva risparmiato dure prove – viene ricordato su Quotidiano.net – come la prematura perdita del marito. Ma alla sua famiglia è rimasta fedele per sempre e non ha mai voluto risposarsi dicendo: Ho avuto tre figli, un matrimonio stupendo, perché cercare altro?”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Il Fatto Personale

di Antonio Padellaro 12€ Acquista
Articolo Precedente

SEIF presenta la comunicazione di pre-ammissione per la quotazione su Aim Italia

next
Articolo Successivo

Copyright, il giallo del post della Commissione Ue sul drago sputafuoco

next