E’ morta Marisa Luisa Monti Riffeser, presidente di Poligrafici editoriale e vicepresidente di Monrif nonché unica donna editrice di quotidiani in Italia. Aveva 88 anni. La notizia della scomparsa è stata diffusa dalle due società con un comunicato congiunto. Monti Riffeser era nata a Ravenna il 28 dicembre 1930 e ha avuto tre figli: Andrea – vicepresidente e amministratore delegato di Poligrafici editoriale e presidente della Fieg, Federazione italiana editori giornali – Claudio e Monica. Oltre che nell’editoria, è stata impegnata nel campo della moda con la griffe Monrif, specializzata nella produzione di accessori per il tempo libero e in particolare per l’equitazione. Suo padre, Attilio Monti, è stato il fondatore del gruppo editoriale che controlla Il Resto del Carlino, La Nazione e Il Giorno.

“La scomparsa di Marisa Monti Riffeser lascia un grande vuoto nel panorama editoriale italiano – ha ricordato il vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella – Imprenditrice attenta e illuminata, i suoi giornali hanno sempre saputo raccontare in modo interessante e imparziale i territori in cui sono radicati”. E anche il sindaco di Bologna, Virginio Merola ha espresso il suo cordoglio. “Bologna perde un’imprenditrice tenace, unica donna editrice di quotidiani in Italia – ha scritto in una nota -. Marisa Monti Riffeser ha legato il suo nome al Resto del Carlino, punto di riferimento per l’informazione nella nostra città e nella nostra regione, e ad altre importanti iniziative editoriali. Alla sua famiglia va il mio sentito cordoglio unito a quello di tutta la città”.

Sul sito del gruppo, Quotidiano.net, vengono ricordati alcuni tratti del suo carattere: “Si schermiva se qualcuno l’avvicinava alla mitica Katharine Graham, la proprietaria del Washington Post, ma Marisa Monti Riffeser è stata pur sempre l’unica donna editrice di quotidiani nella storia del nostro paese e con il figlio maggiore Andrea ne ha guidati un bel numero. La vita non le aveva risparmiato dure prove – viene ricordato su Quotidiano.net – come la prematura perdita del marito. Ma alla sua famiglia è rimasta fedele per sempre e non ha mai voluto risposarsi dicendo: Ho avuto tre figli, un matrimonio stupendo, perché cercare altro?”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

SEIF presenta la comunicazione di pre-ammissione per la quotazione su Aim Italia

prev
Articolo Successivo

Copyright, il giallo del post della Commissione Ue sul drago sputafuoco

next