Prendo nota che, con consultazione interna e privata, il M5s ha deciso come debbano esprimersi i suoi parlamentari in merito alla richiesta della magistratura di poter giudicare Matteo Salvini e stabilire “ex lege” se abbia commesso un reato oppure no. Il Movimento ha emesso la sentenza inappellabile: “Salvini Matteo non va processato” perché ha agito nell’interesse dello Stato. Hanno votato in circa 52mila che in rapporto agli elettori aventi diritto in Italia (circa 46 milioni e mezzo) sono lo 0,11%. Di codesta percentuale inesistente, il 60% ha votato “contro” il processo a Salvini, autorizzandolo a farsi del M5s un solo boccone con tutta la lisca.

Una vergogna! Un suicidio! La fine ingloriosa del Movimento!

Una questione di stretta natura giuridica è affidata all’istinto dei votanti senza competenze giuridiche di valutazione; chi decide è il sentimento o il senso, o il fiuto che è un metodo peggiore della manipolazione dei voti. Non si tratta di una “opinione” che un parlamentare ha sempre il diritto di esprimere, dentro i confini della legge, ma di stabilire se l’avere impedito a 177 persone, salvate dal naufragio da una nave italiana (Marina della Guardia Costiera), configuri il reato di sequestro di persona oppure no. Chi decide dei reati dei ministri, a loro garanzia, non è il Tribunale ordinario, ma il Tribunale dei ministri che s’insedia appositamente ogni volta che la Procura ipotizza una possibile violazione della Legge da parte dei membri del Governo.

Questa procedura è garanzia della separazione dei poteri, senza la quale non esiste Democrazia, ma sopruso, commistione e inquinamento. Salvato Salvini, che fine fa il diritto? Il M5s ha scelto la via più comoda, pilatesca, esattamente come coloro che li hanno preceduti: dal Pd a Berlusconi. Tutti a favore sempre per negare l’autorizzazione alla Magistratura di fare il proprio dovere costituzionale. Scegliendo la sottrazione di Salvini alla giustizia, il M5s non solo ha rinnegato il suo principio fondamentale e fondativo, ma si è “auto-eutanasiato”: si è offerto come giovane vergine al Dracula legista, avido di succhiargli tutto il sangue, prima di buttarlo via come straccio vecchio. Le elezioni europee sono alle porte e i sondaggi già segnano la via.

Questa brutta pagina di democrazia ferita pone un problema più generale che riguarda il “senso del voto“, specialmente politico. Ormai con i partiti “personalizzati” che s’identificano con i caporioni, è finita la partecipazione, è stata abolita la formazione socio-politica e seppellita la militanza idealista, fondata su principi e prospettive: tutto è volatile, tutto è provvisorio, tutto è “like“, senza pensiero e riflessione. Contano solo l’emotività e l’ultimo fatto di cronaca, accentuato dall’onnipresenza dei politicanti senza scrupoli che se ne servono per allargare il loro consenso, senza valutare le conseguenze. Le istituzioni sostituite dalle reti (a)sociali.

So già che la mia proposta farà arrabbiare molti e disgusterà altri, ma voglio porre la questione sul tappeto, sperando che si possa instaurare una riflessione ragionata, politica di ampio respiro. Il voto non è “l’esercizio della Democrazia”, perché questa non si esaurisce nel voto. Esso è “un momento” del processo democratico che deve contemperarsi con altri, pure importanti e decisivi. Oggi la maggior parte delle persone, che sono spesso minoranza, votano sull’onda del momento, senza sapere per chi e, soprattutto, per quali motivi o ragioni votare. Non basta avere la maggiore età per votare alla Camera e 25 anni per votare al Senato, occorre conoscere il senso del voto, la posta in gioco, le conseguenze che “il mio voto singolo” può avere per la totalità della nazione nella complessità del sistema democratico che esige passaggi obbligati e consapevolezza razionale.

A mio parere, per tutti gli elettori, dovrebbero essere obbligatori corsi di formazione generale, quella che una volta si chiamava “Educazione civica” che insegnava la formazione delle strutture dello Stato, l’iter formativo delle leggi, la differenza tra i diversi provvedimenti, le funzioni delle Istituzioni, ciascuna nel proprio ambito per concludersi con una carrellata sui diritti e sui doveri, come sono scritti nella Carta fondamentale: la Costituzione. La quale Costituzione, poi, dovrebbe essere la “materia per eccellenza” di questa formazione permanente del “popolo sovrano”. Come può essere sovrano un popolo che non conosce nemmeno la Carta che gli riconosce questa sovranità? La formazione dovrebbe essere costante/abituale, fatta nei singoli municipi di ogni città e Comune, aprendo scuole in ogni dove con personale preparato e anche specializzato, creando così migliaia di posti di lavoro e mettendo in moto un processo di democratizzazione culturale, oggi completamento assente.

Chi non frequenta questi corsi formativi e non possiede l’attestato di almeno due terzi delle frequenze, non è idoneo a votare perché non è in grado di esercitare la propria sovranità nell’esercizio consapevole del voto. Chi si nasconde dietro frasi fatte, tipo “la politica è una cosa sporca”, oppure “non m’interesso di politica2 e amenità del genere, deve sapere che se non s’interessa di Politica, sarà la “politichetta” a interessarsi e a scegliere per lui/lei. Non può esistere un vuoto: qualcuno lo deve riempire e se gli onesti, i consapevoli, coloro che hanno gli strumenti, disertano, il vuoto sarà occupato inevitabilmente dai disonesti, da chi ha interesse, da chi manipola, da chi manovra, da chi va lì appositamente per rubare e delinquere. Nel nostro Parlamento sono stati eletti anche mafiosi e s’inneggiava e s’inneggia ancora a chi è stato condannato in terzo grado, dopo 12 collegi giudicanti, per gravi reati come l’evasione fiscale, cioè il furto diretto ai singoli italiani.

Chi vota deve conoscere il valore del proprio voto e non può decidere all’ultimo secondo valido, in base allo slogan del primo o dell’ultimo arruffapopoli sul mercato. Dopo il voto del M5s, “salvatore di Salvini”, la questione non è più procrastinabile. Non è tollerabile che un pugno di privati cittadini, usando una struttura privata, determini le scelte del Parlamento, svuotandolo così di significato. “Il bivacco” che non riuscì a Mussolini, è diventato possibile con il M5s il 18 febbraio 2019, giorno funebre per l’Italia. Requiem per la Democrazia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caso Diciotti: a furia di metter mine, il M5s è saltato in aria da solo

prev
Articolo Successivo

Festa grande!

next