La Lega primo partito in Italia e secondo partito al Parlamento europeo dopo i cristiano-democratici di Angela Merkel (alleati coi bavaresi di Csu). Ma dopo le Europee di maggio Socialisti e Popolari non riescono a ottenere la maggioranza, cioè 353 parlamentari. Un numero di seggi che si potrebbe però raggiungere con un’alleanza tra le due maggiori famiglie politiche e i Liberali, e che diverrebbe inattaccabile se includesse anche i Verdi. Quello che emerge dalle prime proiezioni raccolte dal Parlamento Ue – basate sulle rilevazioni nazionali dei 27 Paesi membri e in cui i partiti sono assegnati ai gruppi già esistenti – è un quadro più frammentato che mai. Se guardiamo ai 79 seggi italiani, la Lega è al 32,4% e passa da 6 a 27 europarlamentari. I 5 Stelle al 25,7 e salgono da 14 a 22 seggi; il Pd al 17,3 dimezza i suoi eurodeputati tra i Socialisti: da 31 a 15. Forza Italia all’8,7% passa da 13 a 8 mentre Fratelli d’Italia conserva i suoi 4 seggi nell’Ecr col 4,4%. Per quanto riguarda le restanti formazioni, +Europa al 3,3%, 2,2 per Potere al Popolo e 1,9 per Articolo 1-Mdp.

Nel complesso salgono i Liberali (+1,5 punti) e l’estrema destra dell’Enf (+3,5, che include tra gli altri Lega, i francesi di Ressemblement National di Marine Le Pen, gli austriaci di Fpo e i belgi di Vlaams Belang) mentre perdono terreno i Popolari (-3 punti) ma restano di gran lunga il primo gruppo nel Parlamento Europeo, e soprattutto i Socialisti (-6) che tuttavia dovrebbero restare il secondo gruppo, ma anche i Verdi (-0,5) che erano considerati in crescita. Sulle proiezioni complessive del numero di seggi per gruppo, i Popolari passano da 217 a 183, i Socialisti da 186 a 135, i Conservatori e Riformisti di Ecr da 75 a 51, i Liberali di Alde da 68 a 75. I Verdi da 52 a 46, Efdd (che include i 5 Stelle) da 41 a 43, Enf da 37 a 5.

Effetto Brexit sui seggi – Con l’uscita del Regno Unito, dalla prossima legislatura cambia anche il numero di seggi dell’Eurocamera. Dei 73 del Regno Unito solo 27 saranno riallocati tra gli altrettanti Stati membri (5 a Francia e Spagna, 3 a Italia e Olanda, 2 all’Irlanda, uno a Polonia, Romania, Svezia, Austria, Danimarca, Slovacchia, Finlandia, Ungheria ed Estonia). Il numero di parlamentari passerà quindi da 751 a 705.

Dai Popolari ai Liberali: chi sale e chi scende – Il Ppe è previsto passare da 217 seggi, quanti ne ha oggi (in un’Aula con 751 seggi, che dovrebbero diventare 705 nella prossima legislatura per via della Brexit) a 183, scendendo da 28 a 23 delegazioni nazionali; l’Italia passa da 13 a 8 seggi nel gruppo Ppe. Il gruppo dei Socialisti e Democratici passa da 186 a 135, perdendo 51 seggi (con 26 delegazioni nazionali, ne perde due). Il Ppe scenderebbe dagli attuali 217 seggi a 183, i Socialisti da 186 a 135, i Conservatori (Ecr) da 75 a 51, i Verdi da 52 a 45. Salgono i Liberali da 68 a 75, l’Efdd (dove c’è M5S) da 41 a 43, l’Enf (dove c’è la Lega) da 37 a 59. Nelle proiezioni i partiti nazionali sono assegnati nei gruppi politici esistenti.  Tutti i nuovi partiti e movimenti politici che non hanno ancora dichiarato ufficialmente le loro intenzioni sono classificati come “altri”. Le proiezioni delle attuali preferenze di voto nell’Ue a 27 sulla composizione del Parlamento dopo la Brexit mostrano un emiciclo politicamente più frammentato che mai.

Germania – L’estrema destra di Afd passa da 1 a 12 seggi (confluisce in Efdd e nelle intenzioni di voto è dato al 12%). Il partito di Angela Merkel è al 30%, i Verdi al 174% e la Spd al 15. La sinistra di Die Linke all’8%.

Spagna – Nel paese che si appresta ad andare a elezioni anticipate, il partito di estrema destra Vox, che in Andalusia è dicembre è entrato per la prima volta nel parlamento regionale con 12 membri, balza al 9,6%, che si traducono in 6 seggi. Il sondaggio dell’Europarlamento non lo colloca in nessun gruppo, visto che è basato soltanto sulle attuali appartenenze all’interno dell’Eurocamera. Ciudadanos (Alde) è dato al 17,9%, mentre il Psoe è al 25,4% e il Partido Popular al 23,5%.

Francia – Mentre il governo deve affrontare le proteste dei gilet gialli, il Ressemblement National di Marine Le Pen è il primo partito col 22% dei voti, e stacca di due punti En Marche, ferma al 20%. Solo a maggio 2017 il movimento di Emmanuel Macron aveva conquistato l’Eliseo al secondo turno col 66% dei voti, battendo Le Pen. Repubblicani al 12%, la France Insoumise all’8, come i Verdi.

Polonia Già deferita dalla Ue con l’attivazione dell’articolo 7 e prima nella classifica dei fondi europei, a Varsavia i populisti di Diritto e Giustizia sono il primo partito in testa alla preferenze di voto col 40% e una proiezione di 24 seggi (Ecr). Venti per Platforma Obywatelska, partito di centrodestra che confluisce nel Ppe.

Il sondaggio è realizzato da Kantar Public sulla base delle intenzioni di voto rilevate all’inizio di febbraio.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni europee, mancano 100 giorni al voto. E (non) sarà un’avventura

next
Articolo Successivo

Ue, il leghista Borghi: “Puntiamo a creare un fortissimo gruppo eurocritico con il M5s”. I grillini smentiscono

next